IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primarie, arcigay Savona chiede garanzie ai candidati: “Il vincitore deve sostenere il riconoscimento delle unioni gay”

Più informazioni su

Regione. Non parteciperà alle primarie sostenendo un proprio candidato, ma ugualmente l’associazione Apertamente (arcigay Savona) vuole interrogare “chi si candida a guidare una coalizione verso le elezioni per il governo della nostra regione”.

“Visto l’importante momento socio politico – dicono i membri dell’associazione – e visto il nostro impegno quotidiano contro l’omofobia e per la conquista dei diritti lgbtqi e tenuto conto che nella campagna elettorale nessuno dei candidati ha promosso iniziative a sostegno della nostra comunità crediamo sia necessario chiedere a chi si candida di prendere degli impegni specifici e importanti a sostegno della nostra comunità”.

Diverse le questioni: “In caso di vittoria alle primarie il candidato o la candidata è disponibile ad inserire nel programma di coalizione l’impegno: ad emettere un ordine del giorno regionale a sostegno del riconoscimento del matrimonio e delle adozioni per la comunità lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e intersexual entro 60 giorni dal proprio insediamento; a promuovere e finanziare campagne di informazione e prevenzione sulle malattie sessualmente trasmissibili coinvolgendo scuole e aziende ospedaliere; a creare protocolli socio-sanitari gratuiti a sostegno dei malati HIV, che comprendano anche tutele a sostegno all’occupazione”.

Ma non solo: i candidati dovranno garantire l’impegno “per la creazione di protocolli socio-sanitari gratuiti a sostegno della comunità transgender, che comprendano anche tutele a sostegno all’occupazione; per la promozione di attività ed iniziative per combattere l’omofobia e la discriminazione sessuale collaborando con le associazioni che si occupano di questi temi; per negare il patrocinio ed a contrastare le iniziative che promuovono l’omofobia o la discriminazione verso la comunità lgbtqi (ad esempio ‘Sentinelle in piedi’, evento omofobo con patrocinio Expo in Lombardia).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.