IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’incredibile disavventura di due pietresi in viaggio di nozze: “Noi, bloccati in Nuova Zelanda per un passaporto fallato” foto

Pietra Ligure. “Siamo bloccati in Nuova Zelanda perchè mi si è rotto il passaporto. Qualcuno può aiutarci?? Help us”. Sembra una battuta tratta da un film scritto da uno sceneggiatore con poca fantasia; ma è invece la vera disavventura di una coppia pietrese in viaggio di nozze, che ora non può lasciare la frontiera neozelandese a causa di una copertina staccata.

Prigionieri per colpa del passaporto. Se in “The Terminal” a tenere in ostaggio in aeroporto Tom Hanks era un colpo di stato, che rendeva il documento senza valore, a bloccare Matteo Primosich e Irene Terraneo a Wellington Harbour, invece, è un contrattempo decisamente più banale, ma non meno efficace: la copertina del passaporto si è staccata, e le autorità locali non lo accettano.

Certo non il finale più ambito per un viaggio da sogno, iniziato a Santo Stefano e durato quasi tre settimane. Ultima tappa, l’Australia: ma Sidney, per ora, è irraggiungibile a causa di quel passaporto. “L’ho aperto e tirato fuori dalla custodia in plastica che avevo messo – spiega Matteo – e nel tirarlo fuori la copertina si è completamente staccata”. Tanto basta per togliergli valore: e così, gli ultimi 5 giorni di viaggio di nozze sono diventati un terno al lotto.

Il problema, a quanto pare non è così singolare. “Ho letto online che è capitato a tanti italiani – racconta il 34enne pietrese – e qualcuno afferma addirittura che pare ci sia una partita di passaporti italiani fallati. Se fosse così, a questo punto vorrei chiedere il rimborso di tutti i voli in più che devo prendere per colpa di questo passaporto”. Richiesta però complicata: l’unico caso in cui il risarcimento è certo è quando a strappare il documento è una hostess (le compagnie aeree sono assicurate in tal senso).

Ora, per poter ripartire, i due sposini di Pietra non possono che sperare nella velocità della burocrazia italiana. “Se devi tornare in Italia ti fanno immediatamente un foglio provvisorio per il rientro – spiega la moglie Irene – ma noi dobbiamo ancora stare 4 giorni in Australia quindi abbiamo necessità del passaporto. E non basta il visto australiano ed essere già entrati quindici giorni fa, ci vuole proprio un documento”.

Questa notte (ora italiana, il fuso orario della Nuova Zelanda è avanti di 12 ore) è arrivata la richiesta alla questura di Torino, che l’ha rilasciato. “Ora servirebbe che il prima possibile, entro le 8 di questa sera, mandassero il nulla osta al rifacimento del passaporto. Mi hanno consigliato se conosciamo qualcuno in questura da chiamare per velocizzare il tutto. Qualcuno può aiutarci??” è l’appello su Facebook del giovane. Che non ha mancato di generare polemiche: “Il solito problema italiano, bisogna conoscere qualcuno – commenta un amico – e se conoscenti in questura non ne hai?”.

“Raccomandazione” o meno, per ora, ai due ragazzi di Pietra Ligure non resta che aspettare e sperare che la burocrazia non li privi dell’ultima parte del viaggio. In programma c’era Sidney, ma i due giovani sembrano averci messo una pietra sopra: l’obiettivo, ora, è raggiungere almeno Lord Howe Island, e chiudere come si deve il viaggio di nozze. Per poi iniziare il più bello, quello della vita di coppia: lì non servono passaporti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ned

    Ma va a vaghe pensiero libero

  2. Scritto da pensierolibero

    Comunque il passaporto va tenuto bene. Si sà! Se è strappato non è valido!