IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Imu terreni agricoli, soddisfatta Coldiretti: “Mantenuti gli impegni”

Savona. “Sono finalmente stati mantenuti gli impegni assunti a rivedere anche per il 2014 i criteri individuati per la delimitazione dei terreni agricoli con l’esenzione per tutti nei comuni montani e a favore dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali, o a chi a loro affitta, in quelli parzialmente montani”.

E’ quanto afferma il presidente di Coldiretti Savona Gerolamo Calleri nel commentare positivamente l’esito del consiglio dei ministri straordinario sull’Imu agricola montana che, con il lavoro del ministro per le politiche agricole Maurizio Martina e su proposta del premier Matteo Renzi, ha fissato nuovi criteri per il pagamento con esenzione totale per 3456 comuni (prima erano 1498) e parziale per 655.

“Attendiamo ora il testo del decreto il quale prevede che a decorrere dall`anno in corso, 2015, l`esenzione dall`imposta municipale propria (Imu) si applica: ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, ubicati nei Comuni classificati come totalmente montani, come riportato dall`elenco dei Comuni italiani predisposto dall`Istat; ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, di cui all`articolo 1 del decreto legislativo del 29 marzo 2004 n. 99, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni classificati come parzialmente montani, come riportato dall`elenco dei Comuni italiani predisposto dall`Istat”.

Tali criteri si applicano anche all`anno di imposta 2014.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aVV44

    X LIGURE DOC. facciamo che tutti quelli che hanno la partita iva abbiano gli stessi obblighi. basta privilegi. ne hanno + gli agricoli del capo dello stato. a casa mia le tasse le paghiamo tutti allo stesso modo, marini, semi montani e montani. applichiamo le leggi tedesche anche da noi e vedrai quanti vi buttate nel fiume. addio e spera che cambi qualcosa altrimenti i ns figli vedranno solo cose tristi.

  2. FOLGORE
    Scritto da FOLGORE

    Mi risulta difficile capire perchè un povero cristo che ha un terreno nell’entroterra ma non in zona semi-montana e magari non può coltivarlo perchè il suo lavoro non glielo consente deve pagare come un banco, se invece ha un’azienda agricola che fattura non paga nulla. Allora diciamolo, è un incentivo ad assumere due lavoratori extracomunitari in nero e rivendere frutta e verdura sottobanco eludendo il fisco.

  3. Scritto da ligure doc

    x aVV44 : nn capisco perché tutto questo accanimento contro gli agricoltori .. Vorresti vedere tutto coperto di palazzi e capannoni ? I paesi che tutelano l’agricoltura sono quelli che ahnno un’economia piu stabile ( Francia , Olanda , Germania e Regno Unito ) ed in piu la Costituzione Italiana tutela le comunità montane , leggiti l’articolo 44 !!
    Onestamente le tasse sugli alloggi invenduti e sfitti le triplicherei, abbiamo troppe seconde case che hanno solo deturpato il territorio ..
    Tra l’altro , e forse non lo hai capito , l’esenzione I’MU riguarda solo i terreni montani e semi-montani ; per tutti gli altri si paga e in alcuni casi piu di prima visto che può essere portata fino al 10.6/1000 .

  4. Scritto da aVV44

    adesso vediamo se tolgono le tasse sugli alloggi invenduti, quelli sfitti, sui prodotti che nn riusciamo a vendere, visto che la legge è uguale x tutti, a tutti gli stessi privilegi. Bravi Governanti, continuate a fare gli stessi errori anno dopo anno, legislatura dopo legislatura. E l italia affonda