IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Hai un sito internet? Occhio ai cookies: i ‘biscottini’ potrebbero costarti 120mila euro di multa foto

Provincia. E’ un “biscotto”, è virtualmente invisibile e può arrivare a costare 120.000 euro. No, non è un dolce fatto con qualche varietà incredibilmente rara di burro o farina: stiamo infatti parlando di un “cookie”, uno di quei piccoli “promemoria” che quasi ogni sito web lascia sui nostri computer ad ogni visita.

cookies

Il celebre cookie è una sorta di “appunto” che il sito visitato lascia sul nostro pc per poterci riconoscere in futuro, ad esempio per evitare di richiederci nuovamente i dati di accesso oppure per ricordare le nostre preferenze. Grazie ai cookies esistono, ad esempio, le home page personalizzate, i “carrelli” nei siti di acquisti o le pubblicità “mirate” che possiamo notare un po’ su tutti i siti professionali. Ora, però, tutti i siti italiani, ovviamente anche quelli savonesi, dovranno adeguarsi alle nuove direttive del Garante della Privacy: pena, come detto, una maximulta che può raggiungere i 120.000 euro.

Il Garante ha infatti pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014, un’informativa in materia di gestione dei cookies sui siti internet che obbliga i siti ad informare l’utente dell’uso che si farà delle informazioni in essi contenute: una spiegazione ad oggi assente dalla privacy policy di molti siti web. In pratica, dato che i cookies sono dei dati che il sito “scrive” sul computer di ogni visitatore, ora è necessario informare gli utenti non più solo del fatto che quel cookie viene scritto, ma anche di come vengono utilizzate le informazioni.

In caso di mancato adeguamento (omessa informativa o informativa inidonea, ossia che non presenti gli elementi indicati nel provvedimento) è prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 6.000 a 36.000 euro; l’installazione di cookies sui terminali degli utenti in assenza del preventivo consenso degli stessi comporta, invece, la sanzione del pagamento di una somma da 10.000 a 120.000 euro. L’omessa o incompleta notificazione al Garante, infine, è sanzionata con il pagamento di una somma da 20.000 a 120.000 euro.

Per non incorrere nelle sanzioni c’è tempo fino all’8 maggio 2015, a partire dal giorno successivo basterà la semplice segnalazione da parte di un visitatore sulla mancata informativa per far scattare automaticamente i controlli. Attenti, dunque, webmaster savonesi: avere un sito web sta diventando una cosa sempre più seria, ed è consigliabile rivolgersi a dei professionisti per non incappare nelle salate multe del Garante.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Giustissima posizione ….
    andrebbe “perseguitata” anche la pessima idea di costringere la gente ad accettare regolamenti che si sviluppano in una trentina di pagine …. risultando del tutto illeggibili.

    In particolare mi riferisco al regolamento da accettare ad ogni minima variazione del sw ios … che interviene imponendo l’accettazione o …. aspettare un’oretta per leggere tutte le regolette incomprensibili.

    Oltre una mezza pagina è un romanzo … (mal scritto).

    Si potrebbe raggiungere un compromesso …. chiedendo di accettare le modifiche rispetto a quanto già accettato ….. ed a chi non rende leggibile queste varianti …. un bel multone.