IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gomme bucate e finti black-out: Loano nel mirino di ladri e truffatori

Loano. Una colpisce in mezzo alla strada, l’altra nel chiuso delle case; una è composta da persone che si presentano come “buoni samaritani”, l’altra da soggetti che se possono evitano di farsi vedere; una si accontenta di un bottino di poco conto, l’altra fa un lavoro più accurato e mira a portarsi via tutti gli averi delle vittime.

Loano è finita nel mirino dei truffatori. Nelle ultime due settimane, infatti, sono già molti i loanesi derubati e vittima di bande di malviventi che hanno messo in atto raggiri magari non molto raffinati ma di buona efficacia.

La prima forma di truffa vede i suoi protagonisti accanirsi contro le gomme di auto e motociclette. Dopo averle forate con un robusto cacciavite, i malviventi attendono pazienti che il proprietario del mezzo ritorni al veicolo, noti il danno e si attivi per sostituire o riparare il copertone danneggiato. A questo punto il malfattore interviene e si offre di aiutare o addirittura sostituirsi a chi deve portare a termine il compito.

In entrambi i casi, da assistente o da gommista improvvisato, questa fiducia gli permetterà di provare a mettere mano al portafogli che l’incauto custodisce magari nella tasca dei propri pantaloni (mentre è chinato a sostituire la gomma forata) o alla borsetta della signora rimasta in auto.

La seconda truffa, invece, è di natura elettrica e richiede un maggiore studio delle vittime e degli ambienti. In questo caso i malviventi colpiscono persone che abitano da sole in case che hanno installato il contatore della corrente elettrica al di fuori delle quattro mura.

Dopo aver creato un finto black-out posizionando la levetta su “off”, i ladri attendono che l’occupante esca dall’abitazione per capire cosa sia successo e ripristinare l’erogazione di corrente. Mentre un palo trattiene la vittima, i complici entrano nella casa vuota attraverso la porta che di solito viene lasciata aperta, la ripuliscono e si danno alla fuga.

Le segnalazioni riguardanti entrambe le truffe sono decine e sono state raccolte dagli agenti della polizia municipale e dai carabinieri, che stanno indagando per individuare i responsabili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.