IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, nonostante l’aggressione continua la lotta ai vu’ cumprà: nuovo blitz della Municipale sul lungomare foto

Finale Ligure. Continua l’attività di controllo degli agenti della Polizia Municipale di Finale sui venditori abusivi che stazionano sul Lungomare Migliorini. La lotta all’abusivismo prosegue, dunque, nonostante l’aggressione subita a fine anno da alcuni agenti.

Oggi nuovo blitz, durante il quale sono stati sequestrati numerosi capi di abbigliamento con marchi contraffatti (alcuni molto celebri e costosi), nonché un catalogo con foto di capi di abbigliamento e borse raffiguranti prestigiosi marchi in possesso di un senegalese, identificato e denunciato all’autorità giudiziaria.

Ma non solo abbigliamento: gli agenti hanno sequestrato anche numerosi giocattoli privi dei marchi di legge, e quindi potenzialmente nocivi per la salute. Molti abusivi, alla vista degli uomini della municipale, si sono dati alla fuga: anche la loro merce è finita sotto sequestro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roberto Scarlatta

    Bisognerebbe bruciargli la merce seduta stante con l’acido come si fa con le reti dei pescatori abusivi in Francia.

  2. Scritto da vic

    Nonostante l’aggressione…..beh penso faccia parte del lato brutto del lavoro che si sono scelti, diversamente andavano a lavorare in un ufficio !
    Comunque da anni girano almeno un paio di elementi nordafricani che vendono false griffe di abbigliamento, orologi, borse e quant’altro, lasciando catalogo e numero di cellulare ai loro clienti fissi, tra bagnanti e anche commercianti….e nessuno mai li ha fermati.