IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ecco le spese pazze della Lega Nord: spumante, ostriche e viaggi. E c’è anche l’ipotesi di falso

Liguria. Peculato ma che l’ipotesi di falso nella denuncia che, sotto forma di comunicazione di notizia di reato, riguarda il vice segretario della Lega Nord e candidato alle prossime regionali Edoardo Rixi, e i consiglieri regionali del Carroccio Maurizio Torterolo (oggi capogruppo) e Francesco Bruzzone per le spese sostenute con i fondi del gruppo consiliare nel periodo 2010-2012.

Secondo l’informativa inviata dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza al sostituto procuratore Francesco Pinto, infatti, alcune ricevute sarebbero state modificate. Secondo quanto appreso le spese sospette ammonterebbero per ciascuno dei tre esponenti del Carroccio ligure da poche centinaia di euro a diverse migliaia per ciascuna delle sottocategorie, dalle spese di rappresentanza a quelle per la ristorazione, dagli spostamenti ai viaggi.

Sarà la procura ora a valutare le carte e a decidere se indagare o no i tre consiglieri, ma dalla relazione emergono spese che quantomeno suscitano qualche perplessità come i numerosi viaggi fatti in località turistiche e non istituzionali: da Courmayeur a Limone, note mete sciistiche, passando per Venezia, Pisa e Aosta. I viaggi rimborsati segnalati dalla Gdf sarebbero stati fatti quasi tutti nei fine settimana o durante le feste. Un consigliere si sarebbe fatto rimborsare anche una notte passata in un motel a Broni, in provincia di Pavia, un altro un agriturismo a Cogne per due persone.

Nel calderone degli scontrini sono finite anche spese di ristorazione: tra i pasti consumati ci sono le ostriche al Café de Turin di Nizza, menù bambini, 84 scontrini allo stesso ristorante in provincia di Savona, cene a Mondovì e anche un cenone di capodanno, oltre a vari pranzi e cene nei giorni festivi come il 25 aprile, l’Epifania, Pasqua, Pasquetta e Ferragosto.

Tra le altre spese contestate anche l’acquisto di strenne natalizie, libri, agendine, bottiglie di spumante e grappe.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    Sempre i soliti metodi sinistresi … c’ è da dire che finche’ la gente abbocca a queste notizie fanno bene ad utilizzarle … il problema e’ che poi loro sono i peggiori (inetti e supponenti).

  2. A lbenga
    Scritto da A lbenga

    E’ una vergogna, i cittadini non ne possono più di porcate come queste. Questi dovrebbero andare fora dai bal !!!!!!

  3. Ermes
    Scritto da Ermes

    Si vede che il PD teme di perdere e usa i soliti metodi di infangamento dell’avversario, come con Bossi che non subisce il processo perchè al 90% viene assolto e perdono uno dei capisaldi della campagna elettorale.

  4. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Casualmente questa “indagine” scatta quando si è in odore di regionali e con quale solerzia !
    Si fa l’elenco preciso anche degli alimenti consumati quando altrove si tacciono addirittura i nomi degli indagati e/o condannati…..altro che secessione !!

  5. Scritto da albarolo

    Magna magna ,te le dò io le ostriche a sbaffo !!! Andate a lavorare e provate a guadagnarvelo lo stipendio, vi passa subito la voglia di ostriche !