IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Droga dall’Albania a Savona: fissati gli interrogatori dei sei arrestati foto

Più informazioni su

Savona. Sarà interrogato dal gip del Tribunale di Savona Emilio Fois nella giornata di lunedì Massimo Loi, residente a Savona, arrestato dalla polizia nell’ambito dell’operazione antidroga battezzata “Vatra”, avviata nell’aprile dello scorso anno e che aveva portato all’arresto di Ribaj Boro, Alia Gentjan e Davide Mannarà.

Alia Gentjan, albanese di 33 anni, commerciante (titolare della pizzeria “Sapori d’Italia di via Romagnoli) residente a Genova, Meli Avdi, di 35, artigiano residente a Stella, entrambi già domiciliari (erano finiti in manette con l’accusa di spaccio ad agosto scorso), Marcello Pelle, 30 anni, operaio di Quiliano domiciliato a Savona, e Michel Maimeri, di 33 anni, artigiano edile residente a Savona, saranno sentiti dal gip nell’ambito dell’interrogatorio di garanzia martedì prossimo.

L’altro arrestato, Yilli Musta, 37 anni, residente a Genova e irregolare sul territorio italiano, sarà sentito dal giudice per rogatoria. Per tutti l’accusa è di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Secondo quanto accertato dagli investigatori, sia i due cittadini albanesi che gli italiani erano coinvolti nel giro di spaccio intorno al circolo Vatra di via Montenotte a Savona.

In particolare gli inquirenti avrebbero accertato che Ribaj Boro, gestore del circolo Vatra (arrestato ad agosto insieme a Davide Mannarà e Alia Gentjan), si riforniva di marijuana direttamente dall’Albania. La droga arrivava in grossi quantitativi a Genova dove veniva stoccata da Illy Musta, che la nascondeva in alcune auto, prima che venisse trasportata a Savona grazie a Avdi e Gentjan.

Nella città della Torretta, sempre secondo l’ipotesi degli inquirenti, lo stupefacente veniva poi smerciato: ed è a questo punto che sarebbero entrate in scena le altre persone coinvolte Loi (che nel corso dell’esecuzione della misura di custodia cautelare, questa mattina, è stato trovato in possesso di 30 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione), Pelle e ad un altro italiano, Massimo Valenti, che era stato arrestato lo scorso 13 agosto perché trovato in possesso di 600 grammi di marijuana.

L’operazione Vatra non è però ancora conclusa: dopo aver denunciato a piede libero alcuni acquirenti di stupefacente (altri sono stati segnalati come consumatori alla Prefettura), in queste ore, gli accertamenti dei poliziotti savonesi continuano per identificare altre persone che sarebbero coinvolto nel vasto giro di spaccio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.