IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Depurazione del Ponente, Melgrati contro il sindaco di Borghetto: “Tariffa a 3.50 euro al mc, follia pura”

Borghetto Santo Spirito. “Leggo sui media le esternazioni del sindaco di Borghetto Santo Spirito Gandolfo, preoccupato che, a regime, allacciato al depuratore il 70% del territorio albenganese e potenziato il depuratore consortile, la tariffa di depurazione potrebbe schizzare a euro 3,50: improponibile per i cittadini, porterebbe a pagare l’acqua al metro cubo come se fosse acqua minerale”. La critica arriva da Marco Melgrati, capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale.

“Inoltre appare evidente che manca un preciso cronoprogramma e soprattutto un piano industriale per gli investimenti – prosegue – L’interrogazione che abbiamo presentato nei giorni scorsi si prefigge di avere delle risposte certe dall’assessore regionale all’ambiente Raffaella Paita, e fare chiarezza su una questione che tutto è meno che chiara. Infatti appare evidente che il progetto che prevede il collegamento del 70% della città di Albenga al depuratore di Borghetto (non finanziando l’espansione del depuratore stesso, operazione necessaria per la messa in funzione della depurazione) sia una operazione finalizzata non alla soluzione del problema, ma a tamponare con l’Europa per evitare di incorrere nella sanzione europea già minacciata”.

“E come specificato nell’interrogazione – continua Melgrati – nulla si dice del destino di Alassio e Laigueglia, delle vallate interne e del 30% del territorio del comune di Albenga, e nemmeno della sorte di Andora, Testico e Stellanello, in teoria da collegare con Imperia ma in pratica sospese nel limbo dell’incertezza e dell’indeterminazione. Chiediamo di capire se è tornato di attualità il depuratore autonomo di Alassio (con Laigueglia), che da conti del Projet sembrerebbe più appetibile, come costi di tariffazione, di quello ‘minacciato’ dal sindaco Gandolfo. O il sindaco Gandolfo non sa di che cosa si parla, oppure che venga smentito da qualcuno che abbia l’autorevolezza di farlo. E qualcuno ci dica anche come si intende trovare la cifra di 50/60 milioni di euro necessaria a completare la depurazione del ponente, preoccupazione che sembra essere anche quella del sindaco di Borghetto Gandolfo”.

“Soprattutto – conclude Melgrati – dobbiamo saper con certezza i tempi per completare la depurazione del ponente, perché non possiamo immaginare che città turistiche come Alassio e Laigueglia (e anche Andora) possano ancora rimanere anni e anni senza risolvere il problema della depurazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Bah…io francamente mi son sempre chiesto se questo “problema della depurazione” esista o sia soltanto un altro strumento di tortura economica per il cittadino.

  2. Scritto da tmax500

    Popolo dell’ Unione , ci siamo . Dall’acqua alla Tasi, passando per Imu e Tari arriva il lungometraggio “Il salasso , la cura per rendere il cittadino più leggero”. Come preannunciato acqua e fognatura alle stelle . Gli annunci della settimana dopo la primarie. Intanto per il collegamento Pietra e Borgio e Valmaremola i soldi non si trovano!!