IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bufera sui contributi ad “I Feel Good Finale”, la replica di Casanova: “Tutto regolare” foto

Finale Ligure. “Nei soldi per le luminarie a Finalmarina è compreso anche l’albero di Natale. Non sono più tesoriere di I Feel Good da prima delle elezioni. E se qualcuno ritiene che facciamo brogli coi soldi pubblici, non ha che da rivolgersi alla procura”. E’ una replica lunga, e senza timori, quella dell’assessore Claudio Casanova, dopo la bufera di polemiche che si è abbattuta ieri sugli stanziamenti del comune ad I Feel Good Finale, l’associazione che consorzia molti negozi della città.

A finire nel mirino di critici e malpensanti è stata la delibera con cui, lo scorso 4 dicembre, la giunta Frascherelli ha elargito contributi a varie realtà del territorio, tra cui I Feel Good Finale. A destare malumore e sospetti in minoranza e associazioni il fatto che, con diverse voci, siano arrivati in totale 57.000 euro al consorzio, di cui 28.000 solo per le luminarie. Troppa differenza con gli altri quartieri, troppe voci “generiche” nella delibera secondo alcuni: e la polemica si è accesa.

Casanova, però, non ci sta, e spiega una per una le presunte “incongruenze”. La prima è quella relativa al divario tra i soldi destinati alle luminarie di Finalmarina (17.900 euro, gestiti da I Feel Good) e quelli per gli altri quartieri (5.000 a Finalpia, 4.000 a Finalborgo, 2.000 a Varigotti, assegnati ad altre associazioni). “La cifra di primo acchito può sembrare alta, ma in realtà comprende l’albero natalizio, come spiegato in delibera – spiega l’assessore – Ed, inoltre, 3.900 euro sono stati spesi per creare finalmente un basamento fisso, che rimarrà negli anni, su cui installare l’albero”.

“Questo senza contare che Finalmarina è il quartiere più grosso e più frequentato, e quindi richiede una dotazione di luminarie maggiore – insiste Casanova – E non è vero che abbiamo trascurato gli altri quartieri, basti pensare all’olivo nella rotonda di Finalborgo, illuminato per la prima volta. Sottolineo inoltre che quest’anno abbiamo utilizzato tutte luci a led, scelta che si è tradotta in un importante risparmio energetico”.

Qualche illazione hanno generato anche gli 11.300 euro destinati alle luminarie nelle frazioni, sempre gestiti da I Feel Good. Troppi, dice qualcuno, in rapporto a Borgo, Pia e Varigotti: “Per le frazioni ci siamo rifatti a quanto deciso negli anni precedenti”, rivela Casanova. Ma ieri la minoranza denunciava la scarsità di luci a Verzi, Gorra, Olle e Calvisio: “Abbiamo cercato di coprire un po’ tutto il territorio – risponde l’assessore – ma francamente ora non so se sia stato fatto puntualmente ovunque”.

Passando alle altre voci, l’accusa nei confronti del comune è di aver elargito i soldi ad I Feel Good senza indicare progetti specifici, diversamente dalle altre realtà. Ma dietro ogni dicitura, spiega Casanova, c’è una motivazione perfettamente regolare: “I 15.000 euro per le ‘attività estive’ si riferiscono ai fuochi d’artificio, quelli per le iniziative culturali nel periodo natalizio al concerto di Capodanno in piazza. Eventi che gli anni scorsi il Comune non sosteneva, e che noi quest’anno abbiamo deciso di finanziare al 50% perché riteniamo che abbiano anche un carattere istituzionale”.

Ad alimentare i sospetti e le interpretazioni più critiche anche il fatto che, nel sito di I Feel Good, ancora oggi Claudio Casanova sia indicato come tesoriere. Un evidente conflitto di interessi che, rivela l’assessore, non esiste più: “Mi sono dimesso dalla carica ancora prima dell’elezione, durante la campagna elettorale. Sono ancora nel direttivo, ma il rinnovo delle cariche è previsto per il prossimo aprile”.

Spiegazioni pronte e circostanziate, per fugare tutte le illazioni di possibili “maneggi” con i soldi pubblici. “Voci gonfiate per nascondere finanziamenti di progetti per più del 50%? Finanziamento diviso in tranches per non superare la soglia dei 40.000 euro e dover bandire una gara? Tutte fandonie – taglia corto Casanova – La soluzione è semplice: se qualcuno ha dei sospetti gli basta rivolgersi alla Procura della Repubblica”. E, a quanto pare, c’è chi ci sta pensando: la sezione locale della Lega Nord si riunirà domani sera proprio per discutere di un eventuale esposto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vic

    Ops….