IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cisano sul Neva, spazzatura Ver.Sol.Mar: lettera aperta di Morchio (Facciamo Cisano)

Cisano Sul Neva. Non si placano le polemiche riguardanti la raccolta dei rifiuti presso il Villaggio Ver.Sol.Mar. Dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi da Agostino Morchio, capogruppo di Facciamo Cisano, e la replica con smentita del sindaco Niero, Morchio torna ad occuparsi della vicenda pubblicando una lettera aperta.

“Preso atto delle risposte del Sindaco, sul piano politico ed amministrativo ritengo che la vicenda della spazzatura abbandonata al Villaggio Ver.Sol.Mar meriti alcune personali considerazioni. Alcuni abitanti – scrive – con i quali sono costantemente in contatto e che di loro pugno hanno firmato la richiesta di chiarimenti alla maggioranza, mi hanno contattato per presentare attraverso interrogazione urgente in consiglio la loro istanza, non avendo avuto riscontro soddisfacente. In seguito alla riduzione dei punti di raccolta, anziani e persone con problemi di deambulazione e difficoltà motorie si trovavano costretti a non poter più depositare la spazzatura nei cassonetti vicini alle proprie abitazioni, ma a dover percorrere molta strada per arrivare alla zona della portineria”.

“Sui rischi igenico-sanitari – continua Morchio – prendo atto della rassicurazione del Sindaco che la spazzatura non raccolta e rimasta a terra per oltre un mese non ha, per fortuna, creato nessuna incolumità per la salute pubblica. ‘Pittorescamente’ dipinto per la mia attività di opposizione da taluni colleghi di maggioranza, utile nemmeno a me stesso, preso da polemiche demagogiche di basso profilo e poco attento ai reali problemi di Cisano Sul Neva, mi sarà probabilmente sfuggito che le festività natalizie hanno inizio in autunno. Nel mese di novembre dal vice sindaco è infatti stato notificato con apposita email indirizzata al Villaggio (prot. 6782/2014), l’immediata riduzione dei punti di raccolta senza nessuna preventiva comunicazione data agli abitanti. Dopo che per anni veniva sempre regolarmente effettuato, l’assessore Sergio Ravera informava infatti in poche righe che il servizio nelle aree private non poteva più avvenire.
Tuttavia oltre il cancello di ingresso all’interno di Ver.Sol.Mar veniva comunque concessa la possibilità di conferimento in un unico punto rispetto ai cinque sino a poco tempo prima previsti”.

“Esprimo la mia solidarietà agli abitanti per le curve cieche ed a gomito e con l’occasione raccomando loro di usare la massima prudenza alla guida e di moderare la velocità.
Rispetto alla mia interrogazione, attraverso le parole del Sindaco ho appreso la piacevole tempestività della coincidenza nel comunicare alla cittadinanza la rimozione dei cassonetti rimasti “in eccesso” e, come richiesto dai firmatari, il relativo sopralluogo al Villaggio. Allo stesso modo mi fa piacere sapere che sono stati risolti i problemi che impedivano di effettuare l’operazione di raccolta considerando, come riferito dal primo cittadino, la mancanza da parte della ditta Aimeri di un adeguato mezzo più piccolo adatto nelle manovre nello stretto.
In attesa che sia dato seguito alla promessa di aprire il tavolo di confronto per definire le problematiche del Villaggio, magari attraverso l’istituzione della consulta dei territori, aspetto di vedere dove saranno individuati gli spazi alternativi per riposizionare i bidoni in numero sufficiente per soddisfare le esigenze degli abitanti di Ver.Sol.Mar. Per dimostrare che anche in quest’occasione l’amministrazione comunale sta continuando nel cambiamento radicale che dice di portare avanti, sono convinto che non ripeterà l’infelice esperimento di tempo fa compiuto da altri e, individuata una nuova e diversa zona, metterà con successo sottochiave i cassonetti e attiverà una videosorveglianza anti zozzoni per scoraggiare chi conferisce in maniera illegale soprattutto nei bidoni lungo le strade ad alto scorrimento perché il nostro paese possa rimanere pulito sempre come non mai”.

“Convinto che nessun amministratore pubblico nello svolgimento del suo mandato giochi e nel contempo non possa essere apolitico, altrimenti non si occuperebbe della sua polis, io ho rispetto per le appartenenze partitiche di chi è oggi alla guida di Cisano Sul Neva a prescindere da eventuali abbandoni o nuove adesioni passate o future. Senza polemica mi piace ricordare che nella sua generalità la forza di un progetto si contraddistingue attraverso la partecipazione e il coinvolgimento per l’insieme delle idee e della passione di molti e non per l’individualismo egocentrico di qualcuno. Se in paese i cittadini si rivolgono a Facciamo Cisano e la pagina facebook è ad ogni aggiornamento seguita attivamente dagli iscritti al gruppo che interagiscono anche con commenti e suggerimenti, forse se Tizio o Caio si fossero eventualmente allontanati onestamente come movimento civico e gruppo consiliare non ce ne siamo accorti. Non leoni da tastiera forti di falsità ed ambiguità, ma a viso aperto come Facciamo Cisano continuiamo fra le gente, in consiglio ed in commissione edilizia a svolgere il nostro ruolo come anche dai banchi della maggioranza c’è chi, in un ritrovato contesto di democratico rispetto reciproco, ce lo riconosce”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tmax500

    ma l’ Aimeri resiste ancora?