IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Casanova, riapre la strada comunale Capoluogo-Marmoreo: intervento da 40.000 euro fotogallery

Casanova Lerrone. Riaprirà oggi la strada comunale Capoluogo-Marmoreo, dopo l’intervento di messa in sicurezza della carreggiata realizzato in somma urgenza a seguito della frana che il 15 novembre scorso ha interessato il piano viabile. A darne l’annuncio il sindaco, Michele Volpati.

“I lavori, costati circa 43.500 Euro, sono stati finanziati tramite un debito fuori bilancio e grazie alla disponibilità della Ditta esecutrice delle opere (ICOSE S.p.a.) che ha sottoscritto la rateizzazione del credito – fa sapere Volpati – Impresa e progettisti (Ing. Andrea Alessandri e Geol. Marcello Ermia) ci sono venuti incontro in un momento di grossa difficoltà per il nostro comune, e in soli 45 giorni dall’evento è stato realizzato un muro su pali che garantisce la completa riapertura al traffico della strada”.

“Ieri è stata anche realizzata un’area parcheggio fruibile dagli abitanti della Frazione Segua, ancora isolata – prosegue il primo cittadino – e sono iniziati i lavori per l’esecuzione del by-pass provvisorio a servizio della frazione stessa, che ha subito un po’ di ritardo, poichè si è reso necessario cambiare la ditta esecutrice dato che la prima non ha accettato il pagamento rateale”.

Sul fronte delle altre strade comunali, ancora chiuse, Volpati spiega: “L’impresa Fratelli Castellana sta portando a termine i lavori di rimozione degli innumerevoli smottamenti avvenuti sempre a metà novembre. Anche in questi due casi i lavori sono finanziati da ulteriori debiti fuori bilancio, per un totale di altri 40.000 Euro circa (sempre con rateizzazione del credito)”.

“La situazione va via via migliorando, ma resta sempre difficile – ammette il sindaco – come detto Segua resta sempre isolata (necessitano lavori per oltre 350.000 Euro), altre strade comunali hanno subito ingentissimi danni non affrontabili dal nostro Ente, la diga dell’acquedotto irrigua risulta colma di detriti, e la provinciale SP6 è chiusa dal gennaio 2014, nonostante la Provincia di Savona abbia avuto il finanziamento delle opere di messa in sicurezza nell’aprile 2014 da parte della Regione Liguria (200.000 Euro)”.

“Tutti noi, comunque, confidiamo nella Provincia di Savona per una rapida (anche se è un po’ tardi, forse, per dire rapida) riapertura al traffico della SP6, strada di collegamento tra la Val Lerrone, la Val Merula e, soprattutto, la Provincia di Imperia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.