IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, Promozione: l’Albenga sfida il Taggia, l’Albissola va ad Arenzano, derby salvezza fra Varazze e Cogoleto risultati

Ceriale. Dopo la cinquina rifilata al Varazze, la Carlin’s Boys riceve a Sanremo un’altra pericolante, il Borzoli di mister Varlani, con l’obiettivo di mettere in cascina ancora tre punti decisivi per la volata che porta al salto di categoria.

Ovvio che il pronostico sia tutto dalla parte dei ponentini, forti della coppia goal Daddi – Espinal, entrambi decisi ad insidiare al voltrese Cardillo la palma di capocannoniere del torneo.

I sestresi, che hanno nell’altro bomber Rosati (12 centri) un attaccante di prim’ordine, giocheranno con la spensieratezza di chi non ha nulla da perdere da questo confronto.

Voltrese, se ci sei, batti un colpo ! Icardi e compagni, scivolati a sei punti dalla vetta, sono chiamati alla prova del nove contro l’ottima Loanesi, reduce dal tris di reti rifilate all’Arenzano e con un Odasso in gran spolvero; al “San Carlo”, per i padroni di casa, la vittoria è d’obbligo, se vogliono continuare ad inseguire il sogno del primato finale, dato che, come canta Ligabue, “sono sempre i sogni a dare forma al mondo”.

La terza forza della “temporada”, l’Albenga, riceve il Taggia, in un match dove a farla da padrone ci si augura possa essere il bel gioco; gli ingauni detengono due primati : quello della squadra con più pareggi (10) e quello della miglior difesa (solo14 reti subite, una in meno della Carlin’s) … viene da pensare: “se tra le sua fila giocasse un bomber alla Cardillo…” tanto per fare un nome.

L’Albissola del d.s. Lupi non intende mollare la quarta piazza; per riuscirci dovrà cercare di uscire indenne dal “Gambino” di Arenzano, contro la compagine locale in cerca di continuità di risultati.

C’è attesa per il ritorno da avversario del ceramista Giorgio Guerrieri, che ha legato parte della sua carriera calcistica alla camiseta arenzanese e per il duello dei bomber Rotunno e Granvillano.

Il Campomorone, reduce dalla scoppola subita a Cogoleto (evidentemente non porta fortuna a mister Pirovano incontrare sulla sua strada i granata), cerca il rilancio contro il Serra Riccò, reduce da un paio di sconfitte, che di certo non avranno lasciato scorie, visti i buoni risultati precedenti, ma solo rinfocolato la voglia di rimettersi in carreggiata.

L’avvoltoio Rivarolese dispiega le ali, rilanciato da un paio di successi toccasana: l’avvertimento al Bragno è lanciato.

I valbormidesi, rivenienti dal colpo grosso ai danni della Voltrese, non abbasseranno di certo la guardia, anzi sullo slancio del prestigioso successo, cercheranno d’incamerare ulteriori punti preziosi.

Autentici big match, sulla strada che porta alla salvezza, sono quelli che mettono di fronte Ceriale-Legino e Varazze-Cogoleto.

Il Ceriale vuole il tris consecutivo di vittorie, tanto che Haidich e compagni credono sempre più nella salvezza diretta, obiettivo peraltro comune anche al Legino, reduce dal pareggio casalingo con l’Albenga.

Ultimo in classifica, con soli 15 punti, il Varazze deve assolutamente battere il Cogoleto, in un derby dove la posta in palio non ha bisogno di ulteriori commenti: Amos e soci non possono fallire l’obiettivo.

Il Cogoleto, ritornato alla vittoria dopo lungo tempo, ha solo tre punti in più dei cugini varazzini, per cui non può concedersi il lusso di dormire sugli allori della bella vittoria di domenica scorsa sul Campomorone, ma, anzi, deve trovare il modo di eliminare una diretta concorrente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.