IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calcio, lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia. Bonaccorso: “Vogliamo crescere calciatori ma anche persone”

Savona. Segnaliamo un interessante articolo dal titolo “Palla al centro” in cui compare integralmente un’intervista fatta a Stefano Bonaccorso, responsabile dell’attività di base dell’Atalanta, il 20/10/2014. Dalle sue parole è facile ricavare gli aspetti fondativi della filosofia giovanile nerazzurra.

Bonaccorso, partiamo illustrando la sua squadra di lavoro.
“Ci sono diverse figure fondamentali: Pandolfi e il maestro Bonifaccio per i piccoli amici, Rebba che è il coordinatore delle squadre dei Pulcini e Silvani che coordina gli Esordienti. Queste persone lavorano a tempo pieno per l’Atalanta occupandosi delle mansioni principali: la ricerca e il lavoro sul campo”.

E a livello di squadre?
“Seguiamo i ragazzi dai 2002 ai 2007: i Giovanissimi regionali B, cioè i 2002, fanno già un campionato regionale e sono l’anello di congiunzione con l’attività agonistica. Abbiamo cinque squadre, più quella dei 2007 che è in formazione. Dai 2003 in giù partecipiamo ai campionati provinciali, senza classifica secondo l’input della Figc”.

Anche a livello giovanile ormai si guardano sempre di più i risultati?
“Purtroppo sì e per questo motivo spesso si traggono conclusioni sbagliate: se non vinci, allora vuol dire che stai lavorando male. Ma non è sempre così. Andrebbero fatte considerazioni più approfondite. A noi conforta il numero di giocatori che poi sono diventati professionisti: è quello che conta. Vi faccio un esempio: una delle squadre che a livello giovanile ha vinto di meno è quella dei 77, però poi tanti hanno fatto i calciatori”.

Invece l’Atalanta guarda prima di tutto alla crescita dei suoi giocatori. Fin dall’attività di base.
“Noi ci impegniamo a formare giocatori che possano avere un futuro. Nel calcio di oggi dove prevale la forza e la velocità, noi non dimentichiamo il gesto tecnico: lavoriamo molto sul controllo e la tecnica di calcio, due aspetti che riteniamo fondamentali. Il tutto attraverso il gioco”.

Quindi tanta palla?
“Io dico sempre che il miglior maestro è il gioco. Giocando apprendi più facilmente. Lo stesso Platini ha detto che bisogna riscoprire il calcio di strada, del cortile, dell’oratorio. Ad esempio le partitelle tre contro tre o quattro contro quattro sono un mezzo allenante eccezionale”.

Non solo: l’Atalanta partecipa sempre di più ai tornei internazionali, anche coi più piccoli.
“Girare, confrontarsi con altre scuole, è fondamentale per crescere. Abbiamo fatto e faremo ancora tornei in Lettonia, in Lituania e in Qatar, siamo stati coi 2000 in Russia, l’anno scorso in Turchia. I ragazzi tornano cambiati e migliorati da queste esperienze. Spesso si tende a sottovalutare alcune realtà: alla Coppa Quarenghi di San Pellegrino ad esempio la squadra che per me ha espresso lo spettacolo migliore è stata quella di Helsinki”.

Crescere calciatori non è però l’unica finalità.
“Vogliamo crescere calciatori ma anche persone. Bellini è l’esempio che porto sempre a tutti. L’aspetto educativo è fondamentale. Noi partecipiamo a tanti tornei che possiamo vincere o perdere, ma il torneo dell’educazione lo vogliamo vincere sempre: comportarsi bene e rispettare chi organizza è un aspetto primario ed è un concetto che ricordiamo sempre ai ragazzi. E devo dire che le risposte sono sempre positive. Ogni anno incontriamo diverse volte anche i genitori: la collaborazione delle famiglie è fondamentale e serve che l’esempio arrivi anche da chi viene a vedere le partite. E anche in questo caso posso dire che siamo molto soddisfatti”.

Si capisce che il vostro lavoro non si esaurisce solo sul campo. Sono molte le iniziative che seguite, correlate all’Attività di Base.
“Non ci occupiamo solo della selezione e degli allenamenti, ma anche del Progetto Giovani Nerazzurri che consiste in una serie di iniziative parallele. Come il coordinamento degli “Atalanta Football Camp”, la nostra scuola calcio estiva che quest’anno ha totalizzato 1350 iscritti, oppure “La Scuola allo Stadio” che riproporremo anche quest’anno. Ci occupiamo anche degli inviti allo stadio per assistere alle partite dell’Atalanta: quest’anno la società ha riservato 500 posti a partita per i bambini degli oratori, del Centro Sportivo Italiano e delle società affiliate. Poi ci sono le attività formative come i corsi agli allenatori del Csi e delle società affiliate, o gli incontri negli oratori con la nostra psicopedagogista Lucia Castelli, altra figura fondamentale nello staff dell’Attività di base. O ancora lo stand Atalanta alla Fiera dello Sport Lilluput con il campo gonfiabile a cinque per far giocare i bambini”.

Uno degli aspetti che state curando in modo particolare è il rapporto e il legame con il territorio.
“Teniamo i contatti sul territorio con tutte le realtà provinciali e regionali, in particolare a Bergamo. Vogliamo essere presenti in modo massiccio sul nostro territorio e avvicinarci alle varie realtà bergamasche. La concorrenza rispetto al passato è aumentata moltissimo, perciò è fondamentale curare i rapporti, consolidarli. E noi siamo attenti, disponibili perché sappiamo che il nostro territorio è una grande risorsa”.

La scheda personale del prof. Stefano Bonaccorso

Ruolo
Professore a contratto
Settore M-EDF/02 – Metodi e Didattiche delle Attività Sportive
Titoli di studio
Laurea ‐ 2005. Laureato in Scienze motorie presso l’Università Statale di Milano, con la votazione di 110 e L. Qualifica di Allenatore professionista di calcio di 2° categoria FIGC (Coverciano 2005)
Attività didattica e professionale
Corsi tenuti. Dal 2005. Docente a contratto di Tecnica e didattica del calcio presso l’Università Statale di Milano. Corso di Laurea in Scienze Motorie e Sport
Funzioni esterne.
• Dal 1991 al 2007 allenatore degli esordienti, dei giovanissimi, degli allievi regionali dell’Atalanta B.C.
• Dal 1999 a oggi Responsabile per l’attività di relazione esterne Atalanta B.C. (Società gemellate, Enti locali, Scuola)
• Dal 1.07.2007 a oggi Responsabile Attività di base Settore Giovanile dell’Atalanta B.C
• Dal Marzo 2005 a oggi Membro del direttivo nazionale FIGC ‐ settore giovanile e scolastico ‐ Selezione pubblicazioni
LIBRI
• Calcio, allenare il settore giovanile. Ed. Sport Italia, Milano, 1999
• Una proposta didattica per la scuola elementare, in collaborazione con Bellocci, Becheroni a cura della FIGC Settore Giovanile Scolastico, 1998
• Autori Vari ( Bonaccorso S.) Progetto sperimentale integrato scuola/territorio per la continuità orizzontale fra scuola secondaria di secondo grado e società calcistiche e la certificazione dei crediti formativi, FIGC, Le Monnier, Firenze, 2000
• Allenatori e insegnanti. Guida alla collaborazione fra società sportive e scuola, Ed. Sport Italia. Milano 2002 con Castelli L.
• Un mondo di giochi.(In collaborazione con Mogni e Castelli), Ed. Sport Italia, Milano 2008
ARTICOLI
• Più di 200 articoli in rubriche mensili “Spazio giovani” e Spazio tecnico”dal 1994 ad oggi, per la Rivista “IL NUOVO CALCIO”, Edizione Sport Italia, Milano
• Occasionali per la Gazzetta dello Sport
VIDEO VHS :
• “Le situazioni di gioco semplice dall’1>1 al 2>1”, in collaborazione con Biffi e Samaden, Sport&Sport, Milano
• “Calcio: gioco a zona 2 . Esercitazioni e avviamento alla transizione”, in collaborazione con Bonfanti e Pereni, Sport&Sport, Milano
CD INTERATTIVO :”I principi del gioco del calcio”, Sport&Sport, Milano
Pagina web Personale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.