IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Caccia nel mirino dell’Enpa: “Prosegue fino a metà marzo nonostante l’80% degli italiani contrari” foto

Più informazioni su

Savona. “Domani, 31 gennaio, si chiude ufficialmente la caccia nella provincia di Savona: anzi no, rimane aperta fino a metà marzo per le femmine di capriolo e daino”. A ricordare, non senza una vena polemica, le scadenze della stagione venatoria sono i volontari dell’Enpa.

“A dare una mano agli animali selvatici ci ha pensato il governo italiano, che ha anticipato la chiusura della caccia a tordo bottaccio e cesena al 20 gennaio, per non incorrere nelle pesantissime multe dell’Unione Europea – raccontano gli animalisti – provocando l’assurda ed isterica protesta della regione Liguria, sempre ostile, salvo pochi consiglieri, ad ogni forma di tutela della fauna; e che si è distinta recentemente nel proporre la medioevale caccia con l’arco a daini, caprioli e camosci, con PD, LN ed FI schierati sempre a favore di ogni tipo di caccia”.

“Nella stagione venatoria 2010/2011, l’ultima di cui sono noti i resoconti regionali, a parte i due morti ed i diversi feriti tra gli ‘umani’, i fortunatamente sempre meno cacciatori liguri (18.395 nel 2013, contro i 78.600 del 1977) sono riusciti ad ammazzare ‘ufficialmente’ oltre 278.000 animali – denunciano dall’ENPA – di cui 43.000 stanziali e 235.000 migratori, alla faccia dell’80% degli italiani totalmente contrari ad ogni forma di caccia (Report annuale 2013 dell’EURISPES). A Savona, 5.160 cacciatori (16.000 nel 1977) hanno ucciso ‘ufficialmente’ (esclusi quindi omissioni e ‘dimenticanze’ e l’attività dei bracconieri) quasi 62.000 animali (48.000 migratori e 14.000 stanziali), tra cui 35.000 tordi e cesene”.

“E nel savonese la pace nei boschi non c’è ancora – insistono i volontari della Protezione Animali – con grave disturbo alle specie animali in riproduzione e nidificazione, fino al 14 marzo è permessa la caccia alle femmine di capriolo e daino da parte dei cosiddetti ‘selecontrollori’ che, appostati tra i cespugli con carabine di precisione potranno fucilare questi gentili animali fino al raggiungimento del contingente stabilito sulla base di precedenti censimenti. Senza che ciò influisca sui danni arrecati alle coltivazioni ed anzi, in base a studi universitari tenuti ben nascosti, è dimostrato che la caccia agli ungulati (cinghiali, caprioli e daini) non ne riduce il numero ma ne favorisce la crescita disordinata”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Ermes
    Scritto da Ermes

    @pepper71, al contrario di quanto credete voi, Noi cacciatori non siamo esseri sanguinari, la caccia non è solo sparare, ma ad esempio la gioia di condividere la passione con i nostri amati cani, che curiamo al meglio anche se non li ridicolizziamo con cappottini, impermeabili e simili.

    Noi amiamo davvero gli animali, per esempio Io nella mia zona mi occupo di salvare i ricci trovati sulle strade, ne avrò una 20 che vivono nel mio terreno, liberi e mi aiutano a eliminare gli animali dannosi nell’orto, quest’estate ho lavorato affinchè le anatre nidificassero in pace nel fiume vicino e tante altre piccole cose. Io vivo il bosco, amo la natura ma so che quella dipinta da Walt Disney è falsa.

  2. pepper71
    Scritto da pepper71

    @Ermes….quello che hai scritto non ha bisogno di commenti ma una piccola annotazione la voglio fare lo stesso: se uno va a caccia per “godere del lavoro dei cani” significa che non è a posto con la testa, se uno non è apposto con la testa come fa ad avere il porto d’armi? W i cacciatopi !!!

  3. Scritto da nathan12

    se la ricerca di astra era delle associazioni venatorie quella di eurispes era commissionata dai verdi e cmque ribadisco visto che vivo in un bosco dal dopoguetrra ad oggi non ci sono mai stati tanti animali come in questi anni e tutto deriva dall’abbandono delle campagne il territorio ritorna habitat naturale per i selvatici chi dice che non ci son animali e’ un cieco che non sa dove sta di casa il bosco

  4. Ermes
    Scritto da Ermes

    SALVADIVITA GIUSEPPE, Io non sono un agricoltore, ma ho un amico cacciatore che ha un azienda agricola ed è coltivatore diretto; smettetela di dire falsità siete finti.

  5. Scritto da SALVADIVITA GIUSEPPE

    La ricerca di astra è stata commissionata dalle associazioni venatorie!
    Ermes la verità fa paura solo a lei. Vorrei proprio vedere se lei è un vero agricoltore.
    All’altro disattento: i dati degli animali uccisi si riferiscono alla stagione venatoria 2010/2011, c’è anche scritto, lei ci pensa prima di scrivere?