IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borgio, “L’Antica Bellezza – Il mito di Elena” apre la stagione teatrale 2015 del Cinema Teatro Gassman foto

Più informazioni su

Borgio Verezzi. Si aprirà domani, 3 gennaio, la nuova stagione teatrale del Cinema Teatro Gassman di Borgio Verezzi, gestito dallo scorso febbraio dalla Compagnia del Barone Rampante, Associazione Culturale di Promozione Sociale di Borgio Verezzi. Nel suo cartellone artistico, sette testi della drammaturgia classica e contemporanea, diretti dai più apprezzati registi e interpretati dai principali protagonisti della scena.

Il primo spettacolo sarà “L’antica bellezza – Il mito di Elena” con Elisabetta Pozzi, una tra le più importanti attrici di prosa che calcano le scene teatrali del nostro paese. Drammaturgia di Daniele D’Angelo da Omero, Euripide, Seferis, Ritzos, regia di Andrea Chiodi e musiche di Daniele D’Angelo.
La versione del mito che il poeta Ghiannis Ritzos ci offre nel suo monologo lirico composto nel 1970 è un vero e proprio ribaltamento dell’immagine di Elena che la tradizione letteraria ci ha donato. Lontana dagli stereotipi, è una donna del presente a noi più vicino, che valuta la propria esistenza, seppur eccezionale.

La Elena presentata da Elisabetta Pozzi fa a meno della bellezza effimera della giovinezza, quella è andata via molti anni addietro, la sua bellezza adesso è ben altra, quella dell’esperienza. L’esperienza di una vita vissuta all’insegna dell’amore, tra le braccia forti dei vari amanti trepidanti per lei: quell’amore diventato adesso un ricordo che non genera più alcuna passione, ma solo malinconia e forse rimpianto. Questa Elena è una donna del presente, a noi più vicina, quasi un’amica che tra un bicchiere di whisky e una sigaretta si confida ad un soldato o al fantasma di un amante valutando la propria esistenza, eccezionale certo, ma che adesso sta volgendo alla fine. Senza più ritegno offre di sé un ritratto assai impietoso non vergognandosi di presentare nella sua vecchia abitazione fatiscente quel degrado e senso di vuoto che ora la circonda, oramai derisa anche da ancelle irriverenti che le fanno dispetti. Eppure la Elena di Elisabetta Pozzi oltre a regalare memorie, riflessioni, immagini che il tempo non scalfisce offre al suo pubblico il fascino eterno di chi ha acceso i cuori degli eroi, rendendo per questo anche lei un’eroina immortale. Recita con la classe della grande attrice, al colmo della maturità espressiva, dosando parole a gesti, sussurri a declamazioni, ondeggiando il corpo dentro il suo lungo abito nero sulle belle note della musica di D’Angelo.

I biglietti degli spettacoli si potranno acquistare presso la biglietteria del Cinema Teatro Gassman, aperta tutti i giorni (escluse le festività) dalle h.16.00 alle h.19.00. Il costo delle singole rappresentazioni è di 18 euro (prezzo intero), 15 euro (prezzo ridotto per studenti e soci dell’Associazione “il Barone Rampante”, le persone under 10 e over 65). Tutti gli iscritti alla scuola di teatro potranno partecipare agli spettacoli gratuitamente. E’ possibile inoltre acquistare gli abbonamenti per la stagione ad un costo di 95 euro (prezzo ridotto) e 115 euro (prezzo intero). Per maggiori informazioni su concerti e spettacoli è possibile contattare il seguente numero di telefono: 019-615312, visitare il sito www.compagniabaronerampante.it o la pagina Facebook “La Compagnia del Barone Rampante”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Brian di Nazareth
    Scritto da Brian di Nazareth

    l’antica bellezza a Borgio Verezzi sarebbe non costruire più case da nessuna parte