IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Aurelia Bis a Savona, botta e risposta tra Claudio Burlando e Paolo Forzano

Savona. Botta e risposta tra il presidente della Regione Claudio Burlando e Paolo Forzano, presidente del comitato “Casello Albamare”, circa lo stato dei lavori per l’Aurelia Bis di Savona.

Questa mattina il governatore della Liguria è intervenuto sul tema postando suo profilo Facebook: “Aurelia bis Savona. Proseguono i lavori di costruzione della variante Aurelia tra Albisola Superiore e Savona. Al momento è stata ultimata la galleria lato Albisola, scavata con metodo tradizionale, mentre sono stati scavati oltre 400 metri della prima galleria realizzata con fresa Tbm, che entro fine mese verrà completata. Successivamente la fresa verrà utilizzata per realizzare altre due gallerie. Proseguono inoltre i lavori in tutti i cantieri ormai da tempo aperti in diverse zone di Savona e Albisola. La variante è lunga circa 5 chilometri e costituisce una alternativa al tracciato storico dell’Aurelia, attualmente molto congestionato dal traffico. Rispetto al progetto appaltato i lavori saranno integrati dallo svincolo di Margonara, inizialmente previsto in progetto ma stralciato dal Cipe e poi fortemente richiesto da tutti gli enti interessati e nuovamente inserito, in aggiunta a quello di Miramare, per completare la connessione con l’Aurelia storica e il porto”.

Tra i tanti commenti al post, anche quello di Forzano, che ha scritto: “Claudio, dovresti conoscere la realtà molto bene, e sapere che questa Aurelia bis è un ‘affare’ solo per chi la fa. Ai ‘local’, ovvero ai cittadini che frequentano il tratto Savona-Albisola darà ben poco ‘sollievo’, e se l’uscita Margonara in teoria è utile, in pratica sarà un nuovo enorme tappo tra Albissola e Savona. Perché? Perché la rotatoria è tanto stretta e le sue curve di accesso ed uscita con raggi di curvatura totalmente fuori norma che sarà di grave ostacolo alla circolazione”.

Per Forzano le ragioni sono note: “Lo dice la stessa Anas: progettata al di fuori della legge 2006 sulle intersezioni stradali, stralcio che dovrà essere confermato dalla commissione ministeriale e dal Cipe. Inoltre mancano i soldi. Costa 55 milioni. Ci sono solo i 12 milioni per allargare la galleria principale. Quindi quando mai la vedremo? Inoltre dovresti anche essere a conoscenza che la Paita ha fatto progettare da Infrastrutture Liguria un nuovo casello di Albisola ‘girato’ verso l’Aurelia bis, che pensa di farlo pagare da Anas perché Autostrade non ne vuol sapere di fare un nuovo casello per Albisola. Costo? Almeno 50 milioni”.

“Io che non sono né un presidente di Regione, né un assessore regionale – conclude Forazano – Ragiono, nel mio piccolo, come il buon padre di famiglia: invece che devastare di traffico la piana di Albisola, fare una uscita Margonara costosissima e deleteria piuttosto che utile, non converrebbe spendere i 105 milioni di uscita Margonara e casello nuovo di Albisola (che vuole solo Paita ed Orsi) invece nel più utile casello Albamare?”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ICO1

    Della risposta di Forzano mi piace e mi colpisce soprattutto una frase:” …Ragiono, nel mio piccolo, come il buon padre di famiglia….” .
    Questa frase rappresenta secondo me una grande differenza con il modo di ragionare di molta “politica”. E’ questa secondo me la chiave di lettura che andrebbe usata per districare l’intera vicenda; si stanno per spendere tanti quattrini pubblici senza probabilmente essere sicuri dell’utilità dell’intervento quando con progetti più semplici e mirati si otterrebbe un risulta migliore e più economico….
    Ricordo che di esempi di rotatorie con raggio di curvatura insufficiente è piena la liguria, con conseguente impatto sul traffico e sulla sicurezza dei cittadini.