IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, arrestato per il principio d’incendio nel dehors del Dlf: patteggia un anno e dieci giorni

Albenga. E’ stato processato per direttissima questa mattina Alessandro Zunino, il trentasettenne arrestato questa mattina nella zona della stazione di Albenga dopo aver causato un principio d’incendio all’interno di un dehors e dopo essersi scagliato contro i carabinieri.

Zunino, assistito dall’avvocato Daniela Scarone, ha patteggiato un anno e dieci giorni di reclusione. Il giudice terminata l’udienza lo ha rimesso in libertà con la misura dell’obbligo di firma a Catania. L’imputato, che risulta essere senza fissa dimora (anche se negli ultimi tempi viveva tra Imperia e Sanremo) infatti ha chiesto di poter firmare in una caserma della cittadina siciliana dove – questo è quanto ha riferito in aula – aveva intenzione di andare prima di essere arrestato. Per lui quindi la misura scatterà dal prossimo 10 gennaio quando Zunino dovrebbe aver raggiunto Catania.

L’arresto del trentasettenne era scattato all’alba: a dare l’allarme è stato il gestore del Dopolavoro Ferroviario dopo che nel dehors del locale si era sviluppato un principio d’incendio. Poco dopo Zunino era stato rintracciato dai carabinieri e, alla vista dei militari, l’uomo aveva iniziato ad insultarli per poi arrivare a spintonarli. Per lui erano quindi scattate le manette.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Ma credete veramente che questo tipo va a Catania dove ha l’obbligo di firma ?
    Una vecchia canzona diceva ” illusione dolce, chimera sei tu “.
    Povera Italia, patria del diritto romano !