IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Altare, sabato al Museo del Vetro incontro sui lasciti testamentari a favore di Aism

Più informazioni su

Altare. Il Comune di Altare in collaborazione con il Museo del Vetro e dell’Arte Vetraria Altarese aderiscono alla Settimana Nazionale dei Lasciti 2015, giunta quest’anno all’undicesima edizione, promossa da AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) con il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato.

“7 Giorni di incontri per dare al futuro l’indirizzo che vuoi tu”, questo lo slogan scelto per la serie di incontri che si terranno in tutta Italia, dal 26 Gennaio al 1 Febbraio, in cui AISM e notai sensibilizzeranno all’informazione ed all’approfondimento sul tema dei Lasciti Testamentari. Uno di questi incontri si terrà ad Altare, sabato 31 gennaio, a partire dalle ore 17.00, presso la Sala Convegni di Villa Rosa, sede del Museo del Vetro, Piazza del Consolato. A seguire, Concerto di Chitarra Classica del Maestro Riccardo Pampararo.

Nella “sette giorni” dell’iniziativa i notai saranno gratuitamente a disposizione dei cittadini, per informare, spiegare e approfondire cosa prevede la legge italiana in materia di diritto successorio e per sensibilizzare sull’importanza dei lasciti per realizzare i più importanti progetti di AISM e della sua Fondazione (FISM).

L’Italia è un paese ad alto rischio di SM con 2.000 nuovi casi all’anno e 1 nuova diagnosi di SM ogni 4 ore: cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante, la sclerosi multipla è una grave malattia del sistema nervoso centrale che colpisce 72 mila persone in tutta Italia. Ad esserne maggiormente colpiti sono i giovani tra i 20 e i 40 anni e le donne. Per questa malattia non esiste ancora cura definitiva. Studi recenti, grazie all’utilizzo di tecnologie sempre più all’avanguardia, hanno portato ad accertare l’esistenza di casi di sclerosi multipla anche in età infantile”.

“Un lascito può fare grandi cose: dal sostenere la ricerca scientifica ai servizi di informazione – spiegano dall’associazione – Per AISM ricevere un lascito vuol dire dare impulso alla ricerca scientifica e potenziare i servizi per le persone con SM. Ad esempio, con un lascito di 1.500 euro si possono realizzare incontri di informazione e supporto per 50 giovani neodiagnosticati; con 2.000 euro è possibile attivare uno sportello di accoglienza, informazione e orientamento con formazione di un incaricato; un lascito di 15.000 euro consente di erogare una borsa di studio annuale a un giovane ricercatore impegnato sugli studi della SM; con un lascito di 20.000 euro si organizzano 4 giorni di confronto, informazione e condivisione per 20 famiglie con figli sotto i 18 anni”.

In Italia esiste ancora poca cultura sul lascito testamentario: oggi fa testamento solo l’8% degli italiani, ma sono quasi 9 milioni gli over 55 che dichiarano di conoscere e di riflettere sull’opportunità di fare un lascito solidale. A donare per una buona causa sono soprattutto le donne, oltre il 60% del totale. L’Italia si conferma come il paese che meglio tutela i diritti degli eredi per tradizione e cultura, ma si piazza tra gli ultimi posti – rispetto agli altri paesi europei soprattutto del Nord – per il numero dei testamenti redatti. È quanto emerge dall’indagine di GFK Eurisko su un campione di 1500 individui over 55, realizzata per il comitato Testamento Solidale, nato per diffondere la cultura del lascito testamentario in Italia e promosso da 6 tra le più importanti organizzazioni non profit tra cui anche AISM.

“Sono proprio questi numeri che rivelano come in Italia a tutt’oggi ci sia bisogno di fare cultura e informare le persone – concludono dall’associazione – proprio come fa AISM con gli incontri sul territorio, con il chiaro intento di portare un vero e proprio cambiamento culturale per superare le barriere psicologiche sul testamento e sui lasciti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.