IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albisola, sette chili di marijuana in casa: cognati albanesi condannati

Albisola. Nel giugno dello scorso anno due cognati albanesi, Sandri Hoxhaj, 26 anni, domiciliato ad Albisola, e Dovlet Mezuraj, di 41, residente a Brescia erano stati arrestati dalla Squadra Mobile della Questura di Savona nell’ambito di un’operazione antidroga che aveva portato al sequestro di 7,3 kg di marijuana in un appartamento albisolese. Questa mattina, in udienza preliminare, Hoxhaj ha patteggiato due anni e due mesi di reclusione, mentre Mezuraj è stato condannato a un anno e 11 mesi con il rito abbreviato.

Nell’appartamento dove erano domiciliati gli albanesi i poliziotti avevano trovato anche un fucile manomesso che, secondo l’accusa, era utilizzato dai due per intimidire altri spacciatori e acquirenti della droga in caso di mancati pagamenti.

Lo stupefacente invece era stato rinvenuto dentro un sacco, sotto al letto matrimoniale: la droga era suddivisa in pacchi, alcuni con dosi massicce da 100, 150 grammi, altri più piccoli probabilmente destinati alla vendita al dettaglio.

Gli agenti erano arrivati ai due albanesi dopo alcune segnalazioni su una presunta attività di spaccio nel centro albisolese. Nel corso di un appostamento era stato notato Hoxhaj cedere una dose di cocaina ad un savonese di 56 anni: quest’ultimo a sua volta aveva ceduto la droga ad un secondo acquirente, con l’immediato intervento della polizia. Per il 56enne era scattata una denuncia a piede libero per spaccio.

Gli agenti avevano poi individuato Hoxhaj in un bar di Savona e lo avevano accompagnato a casa per procedere con la perquisizione domiciliare. Dentro l’alloggio, oltre all’ingente quantitativo di sostanze stupefacente (che i due albanesi avevano provato a nascondere spingendo il sacco sotto al letto), erano stati sequestrati bilancini di precisione, 3.000 euro in contanti, telefoni cellulari e bigliettini dove era annotata la contabilità dell’attività illecita.

Infine dal terrazzo era saltato fuori il borsone con il fucile, manomesso nella canna (più piccola) e nel calce per aumentarne la potenza e non essere facilmente rintracciabile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.