IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alassio, Lucchini (Forza Italia): “Sindaco Canepa tra Al Pacino e Al Capone, volantino inaccettabile”

Più informazioni su

Alassio. “Scrivo questa comunicazione perché questa mattina ho ricevuto una specie di volantino dove vengono ritratti alcuni personaggi, tra cui l’attore Al Pacino, noto anche per aver interpretato ruoli da delinquente, Al Capone, notissimo gangster americano degli anni ’30, e il nostro sindaco Enzo Canepa, ritratto in una immagine a mezzo busto con la sciarpa tricolore con una definizione a lato inaccettabile, vero vilipendio di una carica istituzionale”. E’ un volantino dai toni forti la miccia che riaccende lo scontro politico ad alassio. A denunciarlo Fabio Lucchini, esponente di Forza Italia.

“Si intravede dietro di lui una specie di pannello come quello che fa da sfondo nelle interviste televisive ad allenatori e calciatori dove, anziché campeggiare i loghi pubblicitari degli sponsor, sembra riconoscersi il logo del Pd. Non credo e soprattutto non voglio credere che questa sia la maniera il cui il Pd alassino, animato anche da alcune persone credibili, intenda confrontarsi sul piano politico con una Giunta comunale, quella Canepa, nei cui confronti chi mi conosce ben sa quanto io sia critico”.

“Voglio sperare – attacca – che il Pd prenda prontamente le distanze da questa modalità di confronto che, qualora in difetto, lo porrebbe su un piano culturalmente imbarazzante, eliminando ogni senso di democrazia e di civile e programmatico confronto, unica via, a mio sommesso giudizio che possa riportare la città a fiorire malgrado i tempi, a rispettare gli interessi dei cittadini e a guardare ad un Consiglio Comunale depurato di determinati elementi “ tossici “ della politica locale, che torni ad essere quella agorà, quella espressione di civile confronto, dove anziché farsi dei dispetti ed insultarsi, si lavori e si operi con dedizione al bene e al futuro della città, dei suoi abitanti e degli affezionati turisti”.

“E’ vergognoso anche solo paragonare il sindaco Enzo Canepa a un malvivente, a un gangster sanguinario, e a quella oltraggiosa definizione che in realtà spetterebbe di diritto all’ideatore del volantino: se non provvederà lo stesso Sindaco a denunciare gli autori di questo diffamante manifestino elettronico, provvederò io stesso a farlo: è indegno utilizzare questi metodi di disprezzo e dileggio della persona in un confronto. Se l’antagonista sbaglia, seguirlo sulla stessa via anzi aumentando l’errore che a questo punto diventa macroscopico, porterebbe a pensare a una opposizione “imbavagliata” che vede a volte sì e a volte no, a seconda delle esigenze anche personali di alcuni suoi esponenti, mentre altri, probabilmente in totale buona fede, sono all’oscuro del torbido che c’è in certe vicende”.

“Sono stato – conclude Lucchini – all’incontro di due giorni fa tenutosi ad Albenga con Sergio Cofferati, un leader storico del Sindacato del lavoratori più importante d’Italia, e devo dire che ho trovato molti spunti positivi, una concretezza nelle sue puntualizzazioni e un’avversità sensata di fronte a certe “pastette” politiche, che hanno condizionato la politica ligure degli ultimi 10 anni e che potrebbero ripresentarsi a seconda dell’esito delle primarie del Pd del prossimo 11 gennaio. Ecco, io mi auguro vivamente per il 2015 che il Pd alassino voglia trovare il modo e farsi suggeritore di un confronto basato su una chiarezza degli schieramenti, senza confusioni di ruoli e posizioni, con una serena e comprensibile volontà di confronto che esuli dal rendere ridicole le posizioni istituzionali che ciascuno ricopre”.

“Da ultimo invito il sindaco Canepa a continuare nella rettifica della sua squadra amministrativa che sin dall’inizio ha sofferto le solite pressioni politiche che arrivano da più parti, prendendo in mano saldamente e personalmente le redini dei destini della città senza sudditanze e soprattutto senza ascoltare i soliti “soloni” che un giorno ne dicono una e il giorno seguente tutto il contrario”.

Così il sindaco Enzo Canepa: “Un episodio gravissimo che lede le istituzioni ma anche la mia persona e la mia famiglia: per questo agirò per vie legali nelle sedi competenti per accertare i fatti e le responsabilità”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alvaro felici

    Burlesque!!!

  2. Scritto da Biagio MURGIA

    Piena solidarietà al Sindaco ENZO CANEPA ma purtroppo è questo il modo di fare “politica” di certi personaggi sia locali che nazionali…