IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ad Albenga 2 euro in più per una pizza “ben cotta”, il titolare si difende: “Un errore del sistema, non lo farei mai” fotogallery

Albenga. “Quel sovrapprezzo è stato solo un errore di terminale: non ha senso far pagare la cottura, non ha nessuna logica”. Smonta il caso il titolare del Ricaroka, la pizzeria di Albenga finita nell’occhio del ciclone su Facebook per uno scontrino quantomeno “singolare”, nel quale su due pizze veniva applicata una maggiorazione di due euro perché “ben cotte”.

pizza ben cotta 2 euro

Da quello scontrino è partito un tam tam mediatico, come solo sui social network può avvenire, che in breve tempo è arrivato alle orecchie del titolare del locale. “Mi stanno rovinando la reputazione – è la preoccupazione di Antonio Musolino – quando invece da sempre costruisco il mio successo sulla mentalità opposta… leggete le recensioni sui siti web, offro sempre il caffè e il limoncino a tutti”.

Anche tra i commenti alla foto dello scontrino qualcuno lo difendeva: “Non può essere lui, è onesto, regala sempre qualcosa”. Al Ricaroka, spiega il titolare, è normale: “Lo considero un investimento, preferisco un cliente contento che avere 5 euro in più. Se uno ad esempio mi chiede due o tre ingredienti in più sulla pizza io non sto a fare il conteggio esatto delle aggiunte… metto qualche euro in più e mi va bene così. E quando un cliente è venuto, a distanza di giorni, a farmi notare che ha pagato una bottiglia in più, io l’ho rimborsato senza stare a verificare”.

Da dove sbucano, dunque, quei famigerati 2 euro per pizza “+ ben cotta”? “E’ un errore del sistema – spiega Antonio Musolino – quando inserisco un’ordinazione dal palmare si collega al prezzo inserito nel terminale principale. Quando il cameriere ha selezionato ‘ben cotta’ perché rimanesse nell’ordinazione il sistema ha inserito un costo rimasto in memoria, ossia 2 euro; ma è un caso, avrebbe potuto esserci inserito 10, oppure 100. Purtroppo non ci siamo accorti del problema, altrimenti mai e poi mai ci saremmo sognati di far pagare quei due euro. Ora ho fatto intervenire il tecnico che mi ha spiegato dov’era l’errore: e dico fin d’ora che se dovesse risuccedere a qualcuno sono pronto ad offrire il pranzo a tutto il suo tavolo”.

Ora spera che il caso si sgonfi, il titolare del Ricaroka, per non trasformarsi in un nuovo “caso Mamita”. Anche se Musolino avanza qualche dubbio sulla dinamica: “Tramite un contatto comune sono riuscito a contattare la signora che ha postato lo scontrino su internet e le ho chiesto spiegazioni. Lei dice di averlo avuto da una amica che era venuta tempo fa, e che nessuno è mai venuto a chiedermi spiegazioni”.

“Su Facebook raccontano invece di essere venuti alla cassa, e noi li avremmo congedati giustificando il sovrapprezzo appunto con la cottura aggiuntiva – continua il titolare – E’ assurdo, non l’avremmo mai fatto: e se lo avessimo fatto avrebbe dovuto scoppiare come minimo un litigio, penso che il cliente ci avrebbe mandati a quel paese… invece non ricordo nulla di tutto ciò”.

“Mi auguro che questo episodio non mascheri in realtà una campagna discriminatoria nei nostri confronti – conclude Musolino – anche se ammetto di non poter far altro che ‘mea culpa’, perché l’errore è nostro ed è innegabile. Ma sbagliare è umano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Come si fa a chiamarlo errore.
    Il registratore segna esattamente quello che gli viene imposto dall’operatore, quindi non raccontiamoci delle ” fregnacce “

  2. Scritto da NoNickNoName

    errore in assoluta buona fede visto il posto e il trattamento riservato solitamente a tutti i clienti. E’ ora che internet facebook ecc. la piantino li di trasformarsi in macchine di sputtanamento per la gente onesta

  3. Scritto da cipinox

    Sono un cliente abituale,non è mai successo neanche una sola volta che siamo usciti dal locale senza essere omaggiati,credo che ristoratori così onesti dalle ns parti si contino sul palmo della mano,penso anche che un locale così che lavora bene faccia invidia a certi “qualcuno”

  4. Scritto da smeralda

    Ma dai su, facciamo per caso un processo ad un errore?? Sono brave persone, gran lavoratori, cordiali, attenti al cliente che esca soddisfatto, susciteranno forse invidia??

  5. Scritto da andreahermes

    se c’è uno che non sta a guardare l’euro è proprio il rikaroka…
    non vorrei essere nei panni del tecnico :D