IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Turismo, “cara Italia”: è la meta meno economica del Mediterraneo

L’Italia non è una meta economica per i turisti. Anzi, è la più cara del Mediterraneo intero. Per trascorrere le sue vacanze nel Belpaese, un turista spende circa il 10% in più rispetto alla media europea. La sentenza arriva da Coldiretti, che ha rielaborato dati Eurostat del 2013.

Inutile dire come tutto ciò non faccia per niente bene alla ripresa del settore. La destinazione più abbordabile per quanto riguarda la spesa per hotel e ristoranti è il Montenegro dove si paga il 37% in meno rispetto alla media comunitaria, seguito dalla Croazia con il 26% in meno, dal Portogallo dove il risparmio è del 23% e dalla Turchia dove il conto è inferiore del 22% rispetto alla media europea. Ma fanno meglio anche alcuni concorrenti “storici” dell’Italia, come Grecia (-12%) e Spagna (-9%).

Una situazione che si riflette nei flussi turistici: la Spagna ha visto aumentare i visitatori internazionali del 4%, in Grecia l’aumento è stato del 9%, a Malta del 10% e in Portogallo dell’8%. In Italia nel 2013 si è invece registrato un calo del 4,3% degli arrivi che ha riguardato sia gli italiani (-8%) che gli stranieri (-0,2%).

Con questi prezzi non è certo un caso che per l’estate 2014 meno di un italiano in vacanza su tre alloggerà in albergo (28%), il 19% sceglierà abitazioni in affitto, il 14 quelle di proprietà e il 17% andrà a stare da parenti e amici. Aumenteranno, si prevede, le presenze villaggi turistici (7%), bed and breakfast (7%) e agriturismi (3%).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Enrico Guidotti

    Scusate ma che c’azzecca la Coldiretti con il turismo?Perché non spende i soldi affinché gli italiani ad esempio invece di mangiare pomodori di plastica importati non possano consumare i propri ,che sono migliori e vanno a finire al macero?
    Inoltre gli altri paesi non hanno la tassazione e la burocrazia inutile che esiste in Italia, questi sono i soliti argomenti tirati fuori dai media e realtà varie ad ogni stagione per tirare a campare e tappare i buchi.