IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tragico schianto a Vado Ligure, finanziere in scooter travolto da auto a folle velocità foto

Vado L. Grave incidente questa mattina all’alba, sulla via Aurelia all’altezza del bar Haiti, dove è avvenuto uno scontro frontale fra una Renault Clio, proveniente da Noli e diretta verso Savona, e uno scooter, un Kymco Xciting, che procedeva in senso opposto. Coinvolta, oltre ai due veicoli, anche una Citroen C3 parcheggiata nei pressi dell’incidente.

incidente vado

Non si riesce a chiarire come la Renault Clio abbia potuto invadere la corsia opposta, travolgere lo scooter e “schiacciarlo” contro una Citroen C3 parcheggiata sull’Aurelia, per poi frenare – soltanto dopo l’impatto – per circa 30 metri, lasciando visibilissimi segni sull’asfalto. Sembra, dei primi rilievi, che all’origine dell’invasione di carreggiata da parte dell’auto, ci sia un malore o un colpo di sonno del guidatore.

Il “botto” a seguito dello schianto è stato fortissimo, e si è avvertito anche a grande distanza dal luogo dell’incidente, allarmando gli abitanti della zona alle prime luci dell’alba, pochi minuti prima delle 6.

Ad avere la peggio è stato il centauro, un finanziere 30enne di Albisola – Raffaello F. – che stava andando a prendere servizio in porto a Vado, che ha riportato una gravissima ferita al piede e una frattura alla gamba. Il 30enne è rimasto sempre cosciente ed è stato trasportato d’urgenza in codice rosso presso l’ospedale pietrese Santa Corona. In stato di shock, il guidatore della Renault Clio è stato trasportato in codice giallo al San Paolo di Savona.

Sul posto sono intervenuti prontamente i militi della Croce Rossa di Vado e Savona, la Polizia Stradale, i Vigili del Fuoco, l’automedica Sierra 1 e una pattuglia della Guardia di Finanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    L’elettronica potrebbe venire in aiuto …
    eccesso di velocità …. la vettura potrebbe venir dotata di una apparecchiatura gps in grado di rilevare tragitto e velocità (la installano per pochi euro ogni anno alcune assicurazioni …. la mia per esempio… )
    un monitoraggio automatico consentirebbe la rieducazione alla guida.
    .
    ovviamente chi ha un comportamento pericoloso dovrebbe avere delle limitazioni …
    (può guidare solo una vettura …. predisposta … e solo quella … non può noleggiare nulla …. ecc.ecc.)
    .
    ps .. sabato scorso (visto io) una moto ….. si comportava in modo perlomeno pericoloso …… siamo sicuri che lo scooter ….. in genere questi mezzi sono usati male.

  2. Scritto da protestaligure

    Cosa gli faranno a questo autista pazzo. Qualche mese senza patente (dove guiderà sprovvisto di patente ) e poi riavra la sua patente pronto a fare altri danni .In casi del genere deve pagare lui i danni e non l’assicurazione e deve andare a lavori forzati