IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spese pazze, dopo le dimissioni scarcerata anche Maruska Piredda

Liguria. Dopo la scarcerazione di Marylin Fusco, avvenuta ieri, oggi è stata revocata la misura di custodia cautelare ai domiciliari anche per Maruska Piredda, l’altra ex consigliera regionale dell’Idv arrestata nell’ambito dell’inchiesta relativa alle famigerate “spese pazze”. La decisione è stata presa dal gip Roberta Bossi, che ha accolto la richiesta dei legali dopo che la consigliera regionale ha presentato le dimissioni dalla carica.

Questa mattina l’ex consigliera regionale e capogruppo dell’Idv, arrestata con l’ipotesi di reato di peculato, relativamente alle spese effettuate nel 2012 con i soldi del gruppo di cui faceva parte, era arrivata con un nuovo look (capelli biondi) e un buon anticipo in tribunale, intorno alle 9.10, per l’interrogatorio di garanzia fissato davanti al gip Roberta Bossi alle 10.

Piredda, che era agli arresti domiciliari da mercoledì e che si è avvalsa della facoltà di non rispondere, è uscita intorno alle 10.20. “Ci siamo limitati a presentare un’istanza di revoca della misura visto che, dopo le dimissioni, non sussistono più le esigenze cautelari”, si è limitato a dire il suo avvocato Fernando Gallone all’uscita da palazzo di giustizia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.