IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spari a Varazze in un giardino, ucciso un gabbiano: indagini di Enpa e carabinieri

Varazze. Un gabbiano che stava posandosi vicino al suo piccolo per sfamarlo amorevolmente è stato freddato da un colpo di fucile, probabilmente ad aria compressa, in un giardino di via Piazza, sotto gli occhi di un bambino che stava osservando la scena. Il volatile è morto ed il piccolo orfano è stato soccorso e preso in cura dai volontari della Protezione Animali savonese, che alcuni giorni prima erano intervenuti per un altro gabbiano, quasi certamente il secondo genitore, trovato con la testa fracassata e morto poco dopo.

Del fatto si stanno interessando i carabinieri di Varazze e le guardie zoofile volontarie dell’Enpa, sia per il reato di uccisione di animali che per lo sparo in luogo pubblico, che ha messo in grave pericolo il bambino che si trovava poco vicino e che ha pianto per lo spregevole episodio.

“Casi di violenta intolleranza verso i gabbiani sono sempre più frequenti; ancora ieri i volontari dell’Enpa (la competenza ad intervenire è della Provincia, palesemente inadempiente) sono stati chiamati a Spotorno, dove un altro gabbiano è improvvisamente precipitato vicino ai bagni Nelson, avvelenato da una micidiale polpetta” afferma l’Enpa in una nota.

“A causa della scarsità di pesce dovuta ad una pesca professionale e sportiva eccessiva, nonché alla presenza di turisti nelle spiagge durante la nidificazione, i gabbiani si stanno espandendo da tempo negli ambienti urbani, favoriti dal cibo che trovano nelle numerose discariche”.

“Per cercare di contenerne il numero la Protezione Animali ha da tempo suggerito ai Comuni ed alla Provincia soluzioni incruente (sterilizzazione, sottrazione delle uova) che finora, con la consueta inerzia pubblica, neppure hanno risposto; salvo poi strillare e pretendere che l’Enpa (associazione privata e di volontari) intervenga subito per rimuovere nidi e piccoli, quando i cittadini si lamentano per i voli minacciosi ma non pericolosi dei genitori in difesa della prole” conclude l’associazione animalista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. FOLGORE
    Scritto da FOLGORE

    Noooooo, uno solo????

  2. Ermes
    Scritto da Ermes

    Chi spara ad un animale protetto anche se per via della sua inarrestabile proliferazione incontrollata sta facendo moltissimi danni è un criminale. Io vivo a Cairo Montenotte e fino a5 anni fa nessuno qui aveva mai visto un gabbiano ora sono arrivati a distruggere tutti i passeracei ed i piccioni torraioli, hanno ripulito i fiumi da tutti i pesci e qualche “amico” della biodiversità li protegge ancora.

  3. Scritto da sky72

    ma invece di sparare a una povera bestia perchè non sparano a qualche immigrato tanto a livello di sporcizia e malattie sono molto peggio……..