IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Muore durante il ricovero in Rsa di Varazze: slitta la decisione sul rinvio a giudizio per 3 medici

Savona. Slitta ancora la decisione sul rinvio a giudizio per la vicenda della settantenne morta dopo un ricovero nella struttura “La Villa” di Varazze. Questa mattina il giudice Emilio Fois ha infatti rinviato l’udienza ad ottobre per consentire la citazione del responsabile civile nel procedimento. Il caso risale al settembre del 2012 quando una signora di 73 anni, Caterina Araco, si era rotta un ginocchio ed era stata ricoverata all’ospedale e poi trasferita in una residenza protetta per terminare la degenza. La paziente era morta però due settimane dopo, il 14 settembre del 2012, quando erano trascorsi sette giorni dal suo ingresso ne la “La Villa”. I famigliari della donna avevano presentato un esposto-denuncia che aveva portato la Procura ad aprire un’indagine per omicidio colposo nei confronti di tre medici della rsa varazzina.

Si tratta del direttore sanitario della struttura, G.T., e di due medici, uno specialista in endocrinologia, D.N., e uno di medicina generale, E.C., che, secondo l’accusa, in concorso e con ruoli diversi, somministrando una terapia errata avrebbero causato la morte della paziente, che soffriva di diabete mellito di tipo 2. In particolare, come stabilito dall’autopsia e dalla successiva perizia medico legale, la signora era morta per uno “shock da bassa portata”, dovuto ad un sovradosaggio del farmaco “metformina” che avrebbe portato ad una “grave acidosi metabolica lattacidemica” unita ad una “insufficienza renale acuta”. Una complicanza che, per il sostituto procuratore Giovanni Battista Ferro, era intervenuta perché i sanitari della struttura non avevano modificato la terapia davanti ad alcuni sintomi della signora che avrebbero dovuto (sempre secondo l’accusa) fargli modificare la posologia del farmaco antidiabete.

Caterina Araco, entrata nella Rsa in “discrete condizioni” (con la prescrizione di indossare una ginocchiera rigida per 25 giorni e di perdere peso), fin dall’ingresso nella struttura, il 7 settembre del 2012, non si sarebbe alimentata regolarmente ed era in condizioni di accertata insufficienza renale (come rilevato all’inizio della degenza all’Ospedale San Paolo di Savona). Nonostante il perdurare della sua condizione ed il presentarsi di nuovi sintomi (tra cui prurito, nausea e un dolore toracico), i medici avrebbero proseguito a pieno regime la terapia con metformina non diagnosticando lo “scompenso renale” e un inizio di “acidosi metabolica”. Un disturbo che, se diagnosticato, avrebbe dovuto prevedere (come indicano le linee guida all’interno del foglietto illustrativo del farmaco), una sospensione della somministrazione. Le condizioni della paziente erano via via peggiorate fino a quando, la sera del 14 settembre, non era stato necessario un ricovero urgente al San Paolo dove, nonostante i tentativi di rianimarla, la donna era deceduta.

Nei confronti dei tre medici (assistiti dall’avvocato Franco Aglietto) è già arrivata la richiesta di rinvio a giudizio da parte del pm Ferro sulla quale ora dovrà esprimersi il gup Fois. Nel frattempo i famigliari della signora Araco si sono costituiti parte civile nel procedimento con l’assistenza dell’avvocato Giovanni Maglione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.