IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rsa di Albenga, il grido d’allarme di Ciangherotti: “Anziani ricoverati senza cibo” foto

Albenga. L’ex assessore alle Politiche Sociali, sempre in prima linea sui temi più caldi del territorio, direttamente dal suo profilo Facebook scrive una lettera aperta all’Asl2 savonese – in queste settimane nell’occhio del ciclone tra la questione della “reperibilità obbligatoria” degli infermieri e il nodo dell’emodinamica al Santa Corona di Pietra Ligure – in cui denuncia, attraverso una personale testimonianza, le difficili condizioni dei pazienti ricoverati presso l’Rsa di Albenga, situata nell’istituto “Domenico Trincheri”. Condizioni che non riguardano l’istituto, bensì la Rsa che è ospite da qualche tempo al 4° piano della struttura.

“Cara Asl2 savonese – esordisce l’ex assessore – nelle ultime ore ho fatto visita ad una persona amica anziana ricoverata nell’Rsa ad Albenga. Il paziente mi ha subito confermato la grande professionalità degli operatori sanitari all’interno del reparto soprattutto nella scelta ed applicazione della terapia di mantenimento. Un grande disagio, però, si vive dentro alla struttura”.

“Da diverso tempo – sottolinea Ciangherotti – anche se i diretti responsabili affermano che stanno monitorando il fenomeno, è carente il cibo, nel senso che non arriva nelle dosi necessarie per sfamare tutti i pazienti ricoverati. E’ capitato che alcuni pazienti abbiano saltato il pasto. E alle lamentele dei parenti il personale infermieristico invita a protestare presso la direzione. Senza alcun beneficio se la situazione continua ad andare avanti. Allora, per evitare una tra le conseguenze più scontate, il peggioramento della salute del paziente, non sarebbe sufficiente applicare le linee guida del Ministero della Salute per il cibo in ospedale? Linee guida che parlano chiaro: ciò che si mangia mentre si è a letto malati fa parte della cura, ed è quindi fondamentale migliorare la gestione e la prevenzione della malnutrizione e il rapporto che i pazienti hanno col cibo”.

“Gli effetti di una malnutrizione – riflette Ciangherotti – infatti, dicono gli esperti nutrizionisti, si ripercuotono su difese immunitarie e funzionalità respiratoria, influenzano la qualità di vita e incrementano i costi economici e sociali di un ricovero a causa dell’allungamento dei tempi di degenza, del maggior uso di farmaci costosi e del ricorso a ulteriori terapie non previste in base alla diagnosi iniziale. Inoltre, per i pazienti anziani come la mia amica, che ha vissuto tempi di ‘tessere’ e carenza di cibo durante la guerra, è un po’ come sentirsi assediata, non amata e inutile, sentimenti che peggiorano l’umore, deprimono e intralciano miglioramenti e benessere”.

“Allora rivedere la mensa dei pazienti all’Rsa di Albenga sarà un piccolo passo in termini economici per la Sanità italiana ma un grande passo in termini di guarigione per il paziente ricoverato”, conclude l’ex assessore alle Politiche Sociali Eraldo Ciangherotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da duffy

    “….da diverso tempo….” come mai il suo articolo esce dopo le elezioni? che combinazione!
    quale congiuntura astrale!

  2. Scritto da Pinuccia

    Non so che menù venga proposto al Trincheri tanto da giustificare un oscenità come quella letta!
    Tutti gli ospizi ( chiamiamoli così che è meglio perchè tali sono!)sappiamo che prendono migliaia di euro per servire poi pollo bollito, minestrina e polpettoni da riciclaggio quando va bene. I parenti spesso tacciono perchè se arrivano a portare i genitori lì, il più delle volte è per bisogno di lavorare in due. E i posti sono così pochi che una volta ottenuto ingoi ogni rospo!
    A questo punto… dopo aver letto anche di maltrattamenti ( ripeto, non lo dico per il Trincheri ma per il contesto degli ospizi…) non so nemmeno se è sconvolgente saltare un piatto o ingoiare porcate.
    Spero di essere smentita ma ancora una volta si sente prepotente il bisogno di telecamere e controlli a sorpresa e frequenti.
    Abbiamo bisogno di sapere i nostri cari ben accuditi in TUTTI i sensi se no il dolore del distacco lo si vive in due e i nostri cari meritano di più e di meglio alla fine di una vita di lavoro e sacrifici!