IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti, Quiliano dice basta: multa di 200 euro per chi porta la spazzatura da fuori

Più informazioni su

Quiliano. In questi ultimi giorni in località Cadibona è aumentata in maniera esponenziale la quantità di rifiuti conferita all’interno dei cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani presenti sul territorio.

“È evidente come questo fenomeno abbia una connessione diretta con la raccolta differenziata “porta a porta” iniziata recentemente in numerosi comuni della Val Bormida – commentano dal comune riferendosi a Cairo, Altare, Cosseria, Dego, Giusvalla e Piana Crixia – È ipotizzabile che alcuni cittadini o attività valbormidesi, poco inclini a differenziare i rifiuti e a rispettare le norme di conferimento imposte dai comuni di provenienza, ritengano più semplice e comodo utilizzare i cassonetti presenti sul territorio comunale di Quiliano”.

Questo si verifica in particolar modo lungo la provinciale 29, Via Nazionale che collega la Val Bormida con il capoluogo. “Detti comportamenti, non più tollerabili, mettono in crisi le abitudini del luogo e generano un vero e proprio rischio igienico sanitario – attacca il sindaco Ferrando – Non essendo prevista una raccolta quotidiana dei rifiuti, non necessaria per soddisfare le esigenze dell’abitato, è facile comprendere come l’enorme quantità di immondizia di questi giorni non trovi spazio all’interno dei bidoni e venga pertanto abbandonata nelle aree circostanti contribuendo ad aggravare un problema già esistente sul nostro territorio, quello delle discariche abusive”.

È stata pertanto emanata una specifica ordinanza sindacale che vieta il conferimento di rifiuti non prodotti sul territorio di Quiliano. L’ordinanza, oltre ad evidenziare che i conseguenti costi maggiori per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti rischiano di gravare ingiustamente sul bilancio comunale e sui contribuenti del comune di Quiliano, vieta il conferimento di rifiuti non prodotti sul territorio comunale.

L’ordinanza prevede una sanzione amministrativa pecuniaria di 200 euro per chi proviene da un altro comune e conferisce all’interno dei cassonetti situati sul territorio di Quiliano, sanzione che diventa di 500 euro per chi invece abbandona i rifiuti al di fuori degli appositi contenitori.

I controlli per il rispetto delle norme imposte dall’ordinanza sono demandati alla Polizia Municipale ed agli altri organi preposti, unitamente all’ufficio Ambiente del Comune. L’attività di controllo, iniziata da alcuni giorni, ha già portato all’identificazione di alcuni cittadini residenti in comuni limitrofi e responsabili dell’abbandono di rifiuti ad di fuori dei contenitori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.