IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, bando da 190 mila euro per il commercio equo e solidale

Regione. Centonovantamila euro per un nuovo bando a favore del commercio equo e solidale. Sono stati stanziati dalla giunta su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, Renzo Guccinelli. I finanziamenti prevedono il sostegno alle iniziative di divulgazione, ai progetti educativi nelle scuole, alla formazione degli operatori e agli investimenti.

Il bando vuole supportare anche la Fiera ligure del commercio equosolidale che si è svolta dall’8 all’11 maggio, le organizzazione impegnate e le giornate equosolidali, oltre all’aggiornamento del portale del commercio. Sono inoltre previsti contributi per incentivare l’utilizzo dei prodotti del commercio equo e solidale nelle attività degli Enti Pubblici, nella ristorazione scolastica, nei distributori automatici e negli acquisti pubblici.

“Proseguendo quanto iniziato con l’approvazione della legge regionale nel 2007 – spiega l’assessore Guccinelli – anche nel 2014 abbiamo investito in una politica di rafforzamento delle imprese equosolidali con l’importante novità di incentivare anche le azioni di quegli enti pubblici che vorranno inserire prodotti nelle mense scolastiche, nei distributori automatici e in generale nei loro capitoli di spesa”. “In questi sette anni – continua Guccinelli – abbiamo finanziato progetti e investimenti per un totale di 2,6 milioni e possiamo affermare con soddisfazione che oggi la Liguria rappresenta un modello di riferimento per tutte le regioni italiane nel settore del commercio equo e solidale.”

La Regione Liguria è infatti intervenuta, tra le prime in Italia, in materia di commercio equo e solidale dotandosi di una legge autonoma nel 2007 per sostenere lo sviluppo e la diffusione dei prodotti del commercio equo e solidale che, con un approccio alternativo al commercio convenzionale, promuovono giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per l’ambiente, attraverso la crescita della consapevolezza dei consumatori, l’educazione e l’informazione. Inoltre è stato anche istituito l’elenco regionale delle organizzazioni del commercio equo e solidale, con 11 associazioni iscritte. Le domande per accedere ai contributi potranno essere presentate a partire dal 30 giugno fino al 30 settembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aVV44

    inoltre, essendo il commercio equo e … organizzato in cooperative non paga tasse. quindi niente tasse da pagare, utili divisi in maniera equa!!! e contributi statali. vallo a spiegare ai negozianti che chiudono. CHIUSURA EQUA E SOLIDALE AGEVOLATA DALLA REGIONE

  2. Scritto da aVV44

    porca troia, continuiamo con le favole, m apossibile che in liguria sia di moda fare ed incentivare cazzate sociali, solidali, di sostegno ecc. chiudiamo tutte le aziende e vediamo dove prendono i soldi che continuano a buttare via. tre quarti delle tasse sono spesi in cazzate. se un economista della nuova zelanda analizzasse come funziona il sistema italia morirebbe dalle risate. tra poco non ci saranno + aziende che pagheranno le cazzate inventate dai ns politici, allora si che qualcuno si sveglierà. poveri noi

  3. Tex Murphy
    Scritto da Tex Murphy

    Pagliacci, le aziende chiudono, il commercio muore e questi finanziano il commercio “equo e solidale” ….si solidale con le loro tasche.