IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Provincia, chiusura pesca all’anguilla: approvata la proposta di Mai (Lega Nord)

Savona. Chiusura della pesca all’anguilla, il Consiglio provinciale approva la proposta del capogruppo Lega Nord e sindaco di Zuccarello Stefano Mai. “Il Ministero, nel 2008, concordò con le Regioni di predisporre un piano nazionale per la gestione dell’anguilla”, spiega Mai.

“Le Regioni nelle quali esistevano realtà di pesca professionale avrebbero dovuto quindi redigere specifici piani regionali, pena il divieto assoluto di esercitare tale pesca. Nel 2011, il Ministero intese solamente rivolgersi alla pesca professionale, mentre nel 2012 estese tale piano nazionale anche alla pesca ricreativa, e la Regione Liguria, non avendo sufficienti chiarimenti, non fece alcun tipo di piano di gestione, ma approvò la L.R. 8/2014 nella quale era prevista la pesca all’anguilla”.

“A seguito della nota del Consiglio dei Ministri che rilevava la potenziale illegittimità della L.R. 8/2014, la Giunta Regionale ha modificato l’allegato A alla stessa legge, disponendo la tutela integrale dell’anguilla. Tuttavia, l’ultimo censimento nelle acque provinciali è stato quello propedeutico alla stesura della carta ittica, quindi tenutosi tra il 2008 ed il 2009, per cui non vi sono annali che rappresentino una potenziale riduzione della specie tale da dover interdire la pesca dell’anguilla”, prosegue Mai.

“In Regione Liguria, questo tipo di pesca ha un basso impatto sulla specie ittica in questione, in considerazione del fatto che è esercitata esclusivamente su specie adulte e ai fini ricreativi. La pesca dell’anguilla si esercita di notte o durante le piene, e in provincia di Savona la pesca notturna può essere esercitata solamente nei torrenti Neva, Teiro, Arroscia, per un totale di soli 5 comuni dell’intera provincia. La Provincia di Savona, con Atto Dirigenziale, ha esteso la misura minima a 50 cm, nonostante la Legge Regionale disponga tale misura minima a cm 40, e l’ente provinciale, secondo la Terza Carta Ittica, attraverso i segna catture relativi alle acque ‘libere’ ossia ai tratti di torrenti non gestiti dalle tre federazioni – Fipsas, Enal, Arci – e tramite i feed-back delle società sportive di pesca alle Federazioni, è in grado di monitorare la presenza di questo pesce”.

Il documento presentato da Mai e approvato dal Consiglio provinciale impegna quindi il presidente della Provincia e la Giunta a “valutare la richiesta di una sospensiva della Dgr n. 590 di modifica dell’allegato A alla L.R. 8/2014 in quanto, come già precisato, la Provincia di Savona ha un piano di monitoraggio della specie ed ha modificato la misura minima”, nonché “invitare la Regione Liguria a contattare urgentemente il Ministero per chiarire i dubbi in merito alle responsabilità e competenze riguardo il succitato Piano Regionale di Gestione, e autorizzare nuovamente la pesca all’anguilla, eventualmente redigendo il suddetto piano di gestione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Ermes
    Scritto da Ermes

    Grande Sig. Mai, sig. Salvadivita i vostri giornaletti di regime non sono organi scientifici, quella della anguilla in pericolo di estinzione è come quella che la caccia non riduce il numero di ungulati, venga a casa mia, dove l’ATC gestisce alla carlona la caccia di selezione e a cinghiale, cerchi pure sotto le pietre non troverà ne cinghiali ne caprioli. E’ ora che la finiate di dire falsità. Io sono animalista e conosco davvero la natura voi finti animalisti di città non distinguete un pino da una palma.

  2. Scritto da SALVADIVITA GIUSEPPE

    Sono anni che tutti gli organismi scientifici mondiali lanciano l’allarme che l’anguilla sta scomparendo e che è essenziale NON pescarla più, né commercialmente né per sport.
    Ma il signor Mai deve coltivare il suo “orticello elettorale” e quindi se ne frega degli scienziati ma, soprattutto, dei suoi e nostri figli che forse, anche grazie alle sue iniziative, non potranno più gioire della presenza di questo meraviglioso e misterioso animale. Che squallore.