IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pos obbligatorio, in Liguria oltre 32 mila micro imprese interessate: Confartigianato critica

Più informazioni su

Liguria. Sono oltre 32.400 le realtà artigiane liguri (oltre 107.600 le imprese totali) potenzialmente interessate all’utilizzo obbligatorio dei Pos, che scatterà da lunedì 30 giugno per il pagamento di tutti gli importi superiori a 30 euro. Secondo l’Ufficio studi di Confartigianato su dati Infocamere-Unioncamere e Banca d’Italia, si tratta del 71,2% delle micro realtà artigiane della Liguria, attive nei settori delle costruzioni, servizi, commercio al dettaglio: un’incidenza che, in Italia, è seconda solo a quella del Lazio, con il 72,1% di artigiani coinvolti, e superiore a quella di Trentino Alto Adige (67,4%), Piemonte (65,3%), Valle d’Aosta (64,5%) e di 8,8 punti percentuali sulla media nazionale.

L’incidenza più bassa si riscontra invece in Sardegna (55,3%), Sicilia (55,4%) e Marche (56,4%). Oltre 45.100 i Pos già in uso nelle imprese liguri interessate, pari a 419 terminali ogni mille realtà. L’impatto economico sulla micro e piccola imprenditoria non sarà banale, si tratta di 435 milioni di euro stimati totali, pari a 246 euro per impresa. L’impatto comprende un costo fisso annuale di circa 266 milioni di euro, che tiene conto dell’installazione Pos fissa e mobile per le imprese, e altri 282 milioni di costo sulle transazioni.

“Oggi l’impresa – afferma Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – è costretta a subire l’introduzione del Pos come un ennesimo atto vessatorio, mentre avrebbe tutto l’interesse a favorirne la diffusione se esistessero le condizioni adatte e non gli alti costi attuali. La moneta elettronica consente infatti di offrire un miglior servizio al cliente e maggiore efficienza e sicurezza nelle transazioni commerciali. Da considerare poi che alcune attività a basso margine di redditività corrono il rischio di veder mortificato il loro utile dalle commissioni bancarie”.

Osservando la distribuzione provinciale delle imprese artigiane potenzialmente interessate all’utilizzo obbligatorio dei Pos, l’incidenza maggiore si trova nell’imperiese (terza provincia in Italia dopo Roma e Trieste), con il 74,7% delle realtà artigiane coinvolte (quasi 5.400). Segue Savona, al quarto posto, con il 72,7% delle micro e piccole realtà sul totale del comparto (oltre 6.800). Infine Genova (70,6% e circa 16.400 imprese interessate) e La Spezia (66,5%, 3.700 realtà). Per quello che riguarda invece il totale delle aziende potenzialmente coinvolte, che comprende anche realtà non artigiane, sono oltre 58.700 le genovesi, con quasi 22.160 Pos installati. Segue la provincia di Savona (oltre 19.800 realtà e 9.500 Pos circa), Imperia (circa 15.800 e poco più di 6.900 terminali) e La Spezia (quasi 13.200 e circa 6.500 Pos).

Rispetto alla media europea, in Italia il Pos è più diffuso in rapporto alla popolazione e ciascun terminale gestisce meno operazioni, anche se queste sono di importo medio più elevato: il nostro Paese conta 40 abitanti per terminale (25 Pos ogni mille persone), e occupa il decimo posto nel ranking Ue, con una maggiore diffusione dei Pos rispetto alla media dell’Eurozona di 48 abitanti per terminale. Si contano inoltre 990 operazioni per terminale (16esimo posto Ue, di molto inferiore alla media dell’Eurozona pari a 3.415). Infine, l’importo medio per operazione è di 77 euro: sensibilmente superiore a quello medio europeo, pari a 51, l’Italia è seconda solo a Lussemburgo (ben 299 euro) e Grecia (92 euro).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Se a fronte di questa operazione venissimo tassat su ciò che resta dopo aver speso tutto … e chi ha incassato tanto spendendo poco … non sarebbe male …. ma non sarà così
    .
    In passato le tasse erano ptogressive … ed oltre una certa cifra si subiva una trattenuta fino al 75%
    .
    ora la trattenuta massima è inferiore … ma quelle dei ceti medi si sono alzate.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    governo? abbiamo un governo?

  3. Scritto da davide grifone

    Calma, l’artigiano è obbligato ad accettare i pagamenti tramite POS (per cifre superiori ai 30 euro), ma il cliente può continuare a pagare come più gli aggrada. Non fate terrorismo psicologico!

  4. Kevin Flynn
    Scritto da Kevin Flynn

    povere banche, meno male che gli diamo altri soldi!

    ma quanto ci vuole ancora per la rivoluzione?

  5. Scritto da Pinuccia

    Grazie a dio nel commercio a rimpinguare banche, comuni e altri non ci sono più! Per me questo è un ulteriore danno agli artigiani e commercianti. E mi piacerebbe vedere un articolo ogni tanto con la lista di tasse e balzelli per far capire ai clienti e non solo a cosa siamo sottoposti. Il fatto che poi al TG dicono che non è obbligatorio ( sig) dimostra ancora l’enorme incoerenza di questo paese che porta tutti a fondo.