IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, Matteo Canciani all’attacco di Vaccarezza: “L’alleanza con Valeriani un fallimento per Forza Italia”

Pietra Ligure. Matteo Canciani, presidente del Club Forza Silvio di Pietra Ligure (“l’originale”, come tiene a precisare), entra a gamba tesa su Angelo Vaccarezza: galeotta la scelta di appoggiare alle elezioni il neosindaco Valeriani.

“Le svariate turbolenze interne al partito di Forza Italia a livello provinciale, e non solo, hanno provocato i risultati negativi che purtroppo temevo – attacca Canciani – che si sono rispecchiati, oltre che nei risultati delle Elezioni europee, anche su quelli delle amministrative per coloro che, come me, sostengono Forza Italia come partito. I personaggi tesserati Forza Italia che erano inseriti nella lista civica di Centro-Sinistra di Valeriani – Vaccarezza, risultata vincente, non sono riusciti a conquistare un posto in giunta comunale e e neppure in Consiglio: questo, a mio avviso, è da considerare una sconfitta per Forza Italia”.

Ma soprattutto, secondo Canciani, sarebbe la riprova di “un clamoroso errore di valutazione politica commesso dalla dirigenza provinciale di Forza Italia che ha voluto sposare, in un matrimonio ‘spurio’, irragionevole, irrazionale contro ogni logica di buonsenso, il centro-destra con la sinistra per gli interessi personali di chissà chi. Portare acqua al proprio antagonista politico per poi non rimediare neppure una delega la dice lunga sull’azzardo di una scelta ritortasi alla fine contro lo stesso partito e i suoi obiettivi”.

“Forza Italia alle Elezioni europee qui a Pietra Ligure ha ottenuto 1040 voti circa che se si aggiungono a quelli della Lega Nord, Fratelli d’Italia e Ncd arrivano a quasi 1750 voti, andando a rasentare i 1800 voti del PD – fa notare Canciani – Quindi mi pongo una domanda: perché a fine ottobre non si è cercato un dialogo costruttivo, lasciando da parte gli interessi personali, cercando di mettere in piedi una vera Lista civica improntata a centro-destra e appoggiata da tutte queste forze politiche?”.

Ora, dice Canciani, bisogna voltare pagina. “Dobbiamo cercare di ricostruire a livello provinciale una squadra di persone che mettano da parte gli interessi personali di carriera, che guardino verso una sola direzione ed obbiettivo: le Elezioni Regionali 2015”.

“Non mi piacciono quelle persone che sparano a zero, talvolta anche con ragione, più spesso in maniera apodittica, che abbandonano il Partito dopo che, grazie a quest’ultimo, hanno avuto il prestigio così come l’onere di ricoprire cariche pubbliche che hanno restituito loro visibilità – è la velata critica del presidente del Club Forza Silvio – Bisogna invece sederci intorno ad un tavolo e discutere finché non si trova una soluzione che deve essere condivisa dalla maggioranza e solo a quel punto chi non è d’accordo è bene che si adegui o si allontani dal Partito, evitando così di alimentare liti interne che lacerano Forza Italia”.

“Il mio risultato personale delle Elezioni amministrative, guardando i voti totali della Lista e a pochi mesi dall’inizio della mia esperienza politica, è stato a mio sommesso giudizio meno deludente di quanto potessi attendermi in un frangente economico politico nazionale e locale piuttosto lacerato – continua Canciani – e non mi sento di affermare che ho bisogno di ‘leccarmi le ferite’ prima di guardare al futuro. Voglio mettermi subito a disposizione del Partito per analizzare gli errori commessi da tutti, anche se è evidente mi paiono più ragguardevoli quelli di alcuni riferimenti locali, e mettermi disposizione per rifondare su basi diverse e più trasparenti l’apparato provinciale del partito”.

In chiusura Canciani tende una mano al club “gemello”, non senza togleirsi qualche sassolino: “Come presidente del primo Club Forza Silvio di Pietra Ligure, l’originale, nato fuori da contese politiche o ripicche per lavorare al bene della città e per la soddisfazione delle esigenze dei cittadini, metto tutta la mia disponibilità a voler intavolare un discorso costruttivo con il presidente dell’altro Club Forza Silvio Pietra 1, costituito successivamente al nostro, Giuseppe Russo, per cercare di riunificare in un solo Club tutti i soci e lavorare insieme, con comunione di intenti sul territorio, seguendo la filosofia che ha generato l’idea di realizzare i Club per il bene dei cittadini e di Forza Italia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pippo

    Il Sig. Canciani non può essere lo stesso Sig. Canciani che ha scritto negli ultimi mesi molti interventi su IVG; l’altro Sig. Canciani infatti non avrebbe mai usato l’aggettivo apodittico.
    O il primo era un suo ghostwriter, o lo è quello che scrive oggi, che rispetto al primo pare abbia una scrittura derivante da studi classici (mettiamola così).
    Di sicuro resta il fatto che nella bastonatissima lista della Signora Bonfiglio, la cosiddetta vera destra, o la vera Forza Italia, su 12 candidati alcuni sconosciuti ai più, me compreso, gli ultimi due sono stati i due esponenti di Forza Italia, Canciani e Berselli, che sarebbero stati bocciati anche se non si fosse presentato Valeriani. Hai voglia a giustificare l’esito, deludente senza altre spiegazioni.
    La risposta alle argomentazioni di Canciani è solo questa.
    Eppure il ghostwriter (forse di origini alassine) continua a dare tutta la colpa a Vaccarezza, in evidente ottica regionali 2015.
    Signori, di dieci che siete non ne avete fatto uno, sarebbe forse meglio resettare i ghostwriter e trovare qualche candidato credibile, preparato e di studi classici.

  2. Scritto da Arturo

    Non mi risulta che stare dalla parte “giusta” abbia premiato la ditta Melgrati/Berselli/Canciani….anzi. Dall’altra parte due volti nuovi della politica hanno raccolto quasi il doppio delle preferenze. Canciani omette di dire che la lista nella quale si presentava non aveva né programma né idee e i pietresi l’hanno compreso.

  3. zueno
    Scritto da zueno

    Belin …..Club Forza Silvio di Pietra Ligure (“l’originale”, come tiene a precisare) …….. esilaranti….. e hanno ancora da ridire …….

  4. gian joao
    Scritto da gian joao

    @brian: non lo svalutare, 13 iscritti di forzadilvio1 (non ci riesco proprio a scriverlo, sono pure milanista) + 3,5 parenti ciascuno fa 45 e fischio, vuol dire che Canciani ne ha convinti almeno 10!

  5. Brian di Nazareth
    Scritto da Brian di Nazareth

    Con 55 preferenze Canciani non è che adesso possa adesso salire in cattedra