IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Regione non paga, lettera-shock di Asl2 a Gsl: “Non possiamo più pagarvi”. Sperimentazione a rischio foto

Più informazioni su

Albenga. Terremoto sulla sperimentazione Gsl: l’Asl 2 ha inviato una lettera ai vertici dell’azienda per informarla che, a causa del ritiro dei fondi da parte della Regione Liguria, i pagamenti sono sospesi con effetto immediato.

La stessa lettera è indirizzata anche alle case di cura San Michele di Albenga e Sant’Anna di Imperia, oltre che per conoscenza a tutte le banche che supportano il progetto. Nasce così un pasticcio dai contorni ancora confusi, ma che paiono incredibili: in sostanza viene messo a rischio l’intero progetto del Gruppo Sanitario Ligure, che da tre anni porta avanti all’interno dell’ospedale di Albenga una sperimentazione d’eccellenza legata all’ortopedia.

I risultati ottenuti in questi due anni e mezzo (il progetto è partito a gennaio 2012) erano stati vantati a più riprese dalla stessa Regione: una riduzione dei costi della sanità, una diminuzione delle famigerate “fughe”.

Gli accordi originali prevedevano il pagamento a Gsl (azienda privata) da parte di Asl2 a distanza di due anni, grazie a fondi a sua volta garantiti dalla Regione. A gennaio 2012 il via alla sperimentazione con le spese anticipate da Gsl; a gennaio 2014 i primi pagamenti da parte dell’Azienda Sanitaria.

E secondo quanto ricostruito da IVG.it da gennaio ad oggi l’Asl ha versato a Gsl il corrispettivo per i primi cinque mesi di sperimentazione (quindi fino a maggio 2012) tramite fondi propri, nonostante il difficile momento economico, in attesa di ricevere quelli garantiti dalla Regione. Liquidità già certificata in cassa, che oggi viene improvvisamente a mancare: da qui la decisione di bloccare tutto, con Gsl creditrice di una somma che sfiora i 20 milioni di euro.

La sospensione dei pagamenti, ora, potrebbe ora minare alle fondamenta l’intera sperimentazione. Non solo per l’ovvia difficoltà di Gsl di portare avanti l’equipe di chirurghi senza i necessari introiti economici, ma anche per il fatto che le banche che ad oggi supportano il progetto, spaventate dalla “facilità” con cui i fondi che lo garantiscono sono venuti a mancare, potrebbero spaventarsi e decidere di ritirare il loro appoggio finanziario.

Bocche cucite, al momento, da parte dei vertici di Gsl: domani è previsto un cda nel quale si deciderà probabilmente come far fronte all’improvviso ritiro dei fondi. Asl 2, per parte sua, è stata chiara fin dalla lettera, attribuendo in sostanza ogni responsabilità sulla Regione che avrebbe in pratica deciso di non onorare più i patti presi a suo tempo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. annamaria2@
    Scritto da annamaria2@

    Certo, quando una cosa funziona la tagliamo
    Torniamo nelle mani di santa corona
    Anni di attesa e risultati..,,.

  2. ahote hania
    Scritto da ahote hania

    Qualche ingenuo pensa che sotto sotto non ci siano giochi di potere legati alle recenti vicende giudiziarie?
    Si sente puzza di pescelesso impaurito…