IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Discrepanze tra orario di servizio e attività “intramoenia”: via al processo per medico del S. Corona

Pietra L. E’ iniziato questa mattina in tribunale, davanti al giudice Francesco Meloni, il processo che vede a giudizio Stefano Nosengo, otorinolaringoiatra e responsabile del reparto di “Chirurgia cervico facciale e Otorinolaringoiatria” del Santa Corona di Pietra Ligure, che è accusato di truffa. Il procedimento ruota intorno ad alcune discrepanze tra le ore di servizio prestate in ospedale e quelle dedicate all’attività “intramoenia” (ovvero le prestazioni erogate al di fuori dell’orario di lavoro dai medici di un ospedale all’interno della struttura stessa).

Allo specialista vengono contestate 44 ore di attività, svolte nell’arco due anni, tra il 2011 ed il 2012, che sono state retribuite come “intramoenia”, ma che, questa almeno la tesi della Procura, lui non avrebbe realmente eseguito. Dagli accertamenti sulle ore di servizio del medico sono emerse alcune difformità che mostrerebbero come, pur risultando ancora al lavoro in ospedale, nello stesso momento il dottor Nosengo stesse visitando un paziente nell’ambito della sua attività da libero professsionista. Per esempio, in un caso, la timbratura in uscita dal turno in ospedale risulta essere fatta alle 16.04 e l’attività intramoenia è documentata dalle 16 alle 16,50. Una sovrapposizione che ha convinto la Procura a contestare l’accusa di truffa (l’Asl 2 si è costituita parte civile nel procedimento penale).

Una contestazione che il medico, assistito dall’avvocato Roberto Giacchero, fin dal principio ha respinto con decisione. La tesi difensiva parla infatti di “mancanza di elemento soggettivo” e di semplici “errori formali” che si sono tradotti in quell’accusa che sarebbe però priva di qualsiasi fondamento. Lo specialista avrebbe infatti realmente erogato tutte le prestazioni documentate e retribuite come attività intramoenia, ma semplicemente, in alcuni casi, non lo avrebbe fatto negli orari previsti sulle prenotazioni. In sostanza poteva capitare che il medico, pur avendo un appuntamento alle 16, tardasse l’uscita dall’ospedale e di conseguenza iniziasse la visita come libero professionista in ritardo per terminarla oltre l’ora prevista. Quando la prestazione veniva documentata però l’orario non veniva modificato e di conseguenza sarebbero nati gli errori formali. Prossima udienza a dicembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.