IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dalla plastica al gasolio, da tutta Italia a Millesimo per l’invenzione targata Demont foto

Più informazioni su

Millesimo. Si è svolta oggi, presso la sede principale Demont di Millesimo, la presentazione ufficiale di De Fuel, impianto in grado di trasformare la plastica in gasolio.

Oltre 50 le aziende presenti tra grandi multiutilities e realtà minori che hanno risposto con entusiasmo al nuovo prodotto industriale presentato da Demont.

De Fuel è un innovativo sistema di trasformazione di materiali plastici di scarto, nello specifico polietilene, polipropilene, polibutadiene e polistirene, che permette di ottenere, per ogni chilogrammo di plastica immessa, un litro di gasolio.

L’impianto, che si colloca come anello ideale di chiusura del ciclo della plastica, consente una produzione sostenibile di energia nel pieno rispetto dell’ambiente naturale.

De Fuel, infatti, non solo rappresenta un modo intelligente per impiegare materiale plastico che andrebbe, altrimenti, ad accumularsi in discarica con conseguenti problematiche ambientali e oneri di smaltimento, ma permette di produrre gasolio di ottima qualità e privo di zolfo.
L’impianto consente quindi di convertire il problema dello smaltimento del materiale plastico e dei sottoprodotti di lavorazione della plastica in una opportunità di significativo valore ambientale e caratterizzata da un ottimo ritorno economico.

De Fuel è stato messo a punto da Demont nel triennio 2010 – 2013 grazie a un lungo processo di ricerca e sviluppo a partire dal principio ispirato dalla società Energy & Ecology, iniziale partner tecnologico di Demont. Per la realizzazione dell’impianto sono state necessarie più di 50.000 ore lavorative e oltre 2.000.000€ di investimento.

Fabio Atzori, presidente e AD di Demont, rientrato ufficialmente al lavoro, si dichiara “soddisfatto dell’attività di ricerca e sviluppo portata avanti dalla sua azienda che testimonia, ancora una volta, l’attitudine all’innovazione e la capacità di cogliere le necessità del mercato che da sempre caratterizzano Demont e i suoi dipendenti” Atzori quindi aggiunge “De Fuel continuerà nel tempo ad essere sviluppato e venduto da noi in Italia e all’estero dal momento che l’impianto è costituito solamente da tre moduli che possono essere agevolmente spediti in ogni parte del mondo”.

“Abbiamo concluso con successo la fase sperimentale e di industrializzazione ” – aggiunge Mirko Garbero, responsabile del progetto – “e da oggi apriamo la commercializzazione di questa nuova tecnologia nella quale abbiamo creduto e crediamo fortemente per la sua grande componente innovativa e di tutela dell’ambiente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    La decisine di addottare o meno queste tecnologie (ammesso abbiano veramente positivi risvolti ecologici) andrebbe sottratta alla facoltà decisionale delle amministrazioni locali.
    .
    Se si ritiene opportuno “a livello nazionale” gestire in questo modo la plastica … ben venga …. un condominio genera parecchia plastica … invece di conferirla alle amministrazioni comunali …. che riescono a perdere soldi anche nel gestire attività che possono rendere …..
    dovrebbero poter conferire ad aziende private la materia prima … ricevere in cambio quattrini con i quali pagare la gestione rifiuti a gestione pubblica …. dispendiosa e deludente ….
    .

  2. Scritto da Osservatore Critico

    Hanno inventato proprio niente…sono quasi 30 anni che negli USA esistono impianti di trasformazione come quello nell’articolo. Prima di pubblicare articoli magari informatevi meglio.