IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crisi Orsero, lo sfogo di un lavoratore Siter: “Investimenti sbagliati, e a pagare siamo noi”

Albenga. Il prossimo 4 luglio terminerà la cassa integrazione alternata concessa a Siter Trasporti, società del gruppo Orsero. Una scadenza che provoca nei dipendenti preoccupazione e incertezza, anche vista la situazione generale della holding, con le vertenze Fruttital e Reefer.

“La situazione + davvero critica, a breve ci troveremo senza lavoro e senza stipendio – è lo sfogo di un lavoratore arrivato alla redazione di Ivg.it – Da quando hanno cambiato il marchio in F.lli Orsero tutto è andato male”.

Sotto accusa alcune scelte, ritenute sbagliate dal lavoratore: una fra tutte “aver comprato una società di aerotaxi con 6 Piaggio P180 Avanti 2 che chiude in perdita da quando è stata comprata, con piloti che prendono stipendi da favola, amministratore delegato con casa e auto pagati dalla società oltre a un lauto stipendio”.

E a pagare le conseguenze, dice, sono “impiegati, operai, magazzinieri che lavoriamo per una società che fino a ieri eècresciuta chiudendo in utile, per cui abbiamo sempre creduto e ci siamo sempre sacrificati. Oggi veniamo considerati come un peso, considerati responsabili per quelle scelte sbagliate di cui solo noi, e ripeto solo noi stiamo pagando le conseguenze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. cettolaqualunque
    Scritto da cettolaqualunque

    O forse preferiscono il trasporto aereo che il trasporto su gomma … O forse i camion sono più facili da vendere … E per gli aerei e’ dura trovare un compratore …. Che ridere … ormai e’ un impero che sta crollando … SI SALVI CHI PUO’!

  2. Scritto da dario1999

    1 +1 uguale 2 , normalmente , dopo l,affondamento della siter trasporti chi verra???? un super mercato? una concessionaria?? un ferramenta ?? NO NO voci di corridoio scommettono su un altra ditta di TRASPORTI ..e qui mi sorge un grande dubbio ?? Ma non era in rosso?? chiude una ditta di trasporti e ne viene un altra….sicuramente non sono persone stupide avranno visto bene il potenziale che può dare una logistica come la siter . un esempio di poco conto sarebbe forse lo stoccaggio delle merci fresche ,e surgelato e il TRASPORTO certo che ai cliente farebbe molto comodo, Ma questo il capitan SCHETTINO NON LO A VISTO , ho forse e MENEFREGHISMO ”

  3. pinco
    Scritto da pinco

    Sono daccordo con Dario1999.
    Prima la frutta di importazione e il successo poi la gente ha iniziato a capire qualcosa e la frutta e verdura la comprano italiana, nel mezzo investimenti discutibili (quello che dice Dario) e scelte manageriali ancor più discutibli ( mariti e parenti in posti chiave a prescindere).. E IL PERIODO DELLE VACCHE GRASSE CONTINUAVA…POI …un assaggio in edilizia visto che tirava e poi il crollo anche di quella.
    Senza dubbio una curva esponenziale l’ascesam dato che tutto è stato messo in piedi NON in svariate generazioni ma solo in due. Un episodio imprenditoriale del tutto singolare.
    Diciamo invece che sembra strano che questa holding adesso deve mettere fuori delle persone, nonostante tutte le imprese di cui dispone ancora… I sindacati cosa dicono? Se ci sono, come succede di solito nell’imprenditoria, non si sentono?

  4. Scritto da dario1999

    Dire vergogna a queste persone e un COMPLIMENTO ..non sono imprenditori , il padre SI, ma l,oro sono persone che anno sfruttato e continuano a sfruttare operai, banche, e lo stato Italiano..anno fatto buchi da tutte le parti francia compreso e nascondendo i soldi chi sa dove e ora e colpa degli operai? in siter anno messo come responsabile una persona che non a neanche la 5 elementare ,che di trasporto non capiva nulla ,era bravo solo ad attaccarsi alle mammele della madre fruttital e non trovare altro lavoro ,camion ritornare vuoto dalla francia , e adesso la colpa e degli autisti ?? quando chiedeva di non andare in regola noi lo abbiamo sempre accontentato per tenerci il nostro posto di lavoro per fare andare bene le cose e l,azienda …si dice che i bilancia non andavano be gia dal 2008 e se ne sono accorti adesso?? forse era meglio controllare un po prima , cosi si poteva vedere cosa non andava bene , ma questo e il nostro responsabile siter ..poi si dice la CRISI si ora mai e in bocca a tutti questi vergognosi imprenditori che di imprenditori non anno nulla …bravi complimenti ….a il sig BRIAN penso che lavora per l,oro ed e giusto leccare un po perche se no arriva senza stipendio a casa ..continua a leccare ..ma non dire cazzate

  5. Scritto da telemaco

    5 anni fa quando sono entrato ero contento di aver trovato un’azienda seria x il mio futuro, oggi mi ritrovo nella M…. totale. Andate a fare in culo fratelli Orsero!