IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Clochard dorme in ospedale e causa incendio ad Albenga, Melgrati all’attacco: “Tolleranza della direzione vergognosa”

Più informazioni su

Albenga. Il consigliere Marco Melgrati ha deciso di presentare un’interrogazione urgente in Regione dopo l’episodio di questa mattina, quando all’alba un clochard ha causato un principio di incendio all’interno dell’ospedale di Albenga.

L’uomo da tempo ormai dormiva in un corridoio adiacente al Punto di Primo Intervento, e a nulla erano valsi i tentativi di convincerlo ad accamparsi altrove. Stamattina all’alba l’incidente: nel farsi luce con una candela il clochard ha accidentalmente dato fuoco ad alcuni degli oggetti che portava con sé dentro un carrello della spesa. In pochi secondi il corridoio in questione si è riempito di fumo facendo scattare i sistemi di allarme. Inoltre, aprendo una porta di sicurezza per cercare una via d’uscita, il clochard avrebbe provocato una diffusione della nube grigia anche nel locale del punto di primo soccorso.

La presenza abituale del clochard aveva generato già in passato qualche malumore in ospedale visto che, nonostante ripetute segnalazioni, non era stato possibile adottare un provvedimento per impedirgli di dormire nell’edificio. Ora all’attacco va anche Melgrati: “E’ vergognoso che situazioni come queste vengano tollerate dalla direzione del nosocomio di Albenga e che si sia dovuti arrivare a una situazione limite come questa perché qualcuno intervenisse. E’ incredibile che nessuno abbia capito la possibile gravità di questo problema”.

“L’incendio ha messo in crisi il sistema di accoglienza del punto di primo intervento dell’Ospedale di Albenga – continua il capogruppo di Forza Italia, che ha presentato un’interrogazione urgente in consiglio – E’ inammissibile che venga tollerato che ‘senza tetto’ possano scegliere l’area ‘calda’ del punto di Primo Intervento per vivere e passare la notte. Il Comune deve intervenire, e i vertici dell’Ospedale di Albenga devono vigilare perché questo non si ripeta”.

“Il Punto di Primo Intervento di Albenga non può diventare una area di accoglienza dei senza tetto: si mette in crisi il sistema di Primo Soccorso del nosocomio ingauno”, conclude Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gianmarco

    PERCHè IL SIG mELGRATI CHE L’UNICA COSA CHE SA FARE E’ QUELLA DI CRITICARE O CHIEDERE INTERPELLANZE NON SI ATTIVA O NON SE LI OSPITA NELLE SUE PROPRIETA”??

  2. pino-fuoco
    Scritto da pino-fuoco

    Volevano dare fuoco alla Gsl per cancellare le prove ma oramai e tardi!

  3. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    Chi non ha niente da perdere fa quello che vuole …

  4. marty74
    Scritto da marty74

    Condivido. Perché non se ne occupa la Caritas secondo quanto auspica Papa Francesco

  5. Scritto da Enrico Guidotti

    Dovrebbero trasformare in dormitorio per i bisognosi il vecchio ospedale e la clinica Salus, quelli sì oggetto di inammissibili speculazioni