IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bergeggi: Manuela Ormea presenta “Il cappottino rosso e altri racconti”

Più informazioni su

Bergeggi. Martedì 10 giugno, alle ore 16,30, alla biblioteca civica Cabiati di Bergeggi in via De Mari 28, si terrà la presentazione del libro “Il cappottino rosso e altri racconti” di Manuela Ormea, edito dalla casa editrice genovese Red@zione. Insieme all’autrice dialogherà Wanda Beretta, mentre alcune letture saranno affidate a Loredana Capena.

La scena è la vita quotidiana; i protagonisti sono persone qualsiasi, colti in un momento della propria giornata: all’improvviso il grigiore delle loro esistenze si fa dramma, persino tragedia, o diventa comunque accorata, e affettuosa, riflessione. Nel groviglio delle solitarie vite contemporanee, un fatto, il caso, diventa catartico. Uomini e donne fotografati all’improvviso nel proprio ambiente piccolo borghese, nelle loro case senza affetti, nelle loro giornate in cui la parola diventa spesso inutile, così come il dialogo sembra troppo difficile, e l’autoanalisi spinge più verso il precipizio delle delusioni che verso la ricerca di nuove emozioni e della speranza.

Manuela Ormea disegna i propri personaggi quasi come fosse uno studioso che attraverso un lente osserva il brulicare della vita di oggi, una vita in cui cadono i valori e che restituisce il vuoto di idee e di sentimenti. La sua è una scrittura veloce e intensa: rapidi tratti che mostrano la soggettività dei protagonisti, ma lasciano anche spazio all’immaginazione. Che cosa ci sarà dietro quelle vite piegate e ferite? Una prosa fresca, la capacità di costruire situazioni mai banali, pur se ritagliate dalla banalità della vita quotidiana: una scrittrice di spessore che si propone come efficace cantore dei tempi che stiamo vivendo.

Manuela Ormea è docente di Lettere in un istituto professionale alberghiero del ponente ligure. È autrice del romanzo “Ci vorrà del tempo” (Manni 2005), di due sceneggiature originali “Guardami… esisto!” (2008) e “La moglie afghana” (2010), portate in scena dal Teatro dell’Albero di San Lorenzo al Mare (Imperia), e di numerose recensioni letterarie. Con gli studenti della Compagnia dei 5 sensi (IIS Ruffini-Aicardi di Arma di Taggia) ha realizzato il reading teatrale “Mediterraneo sotto la lingua” (2010), viaggio tra letteratura, musica, immagini e cucina, tratto dalle opere di Jean-Claude Izzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.