IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Baia dei Saraceni, dopo la “guerra” dei cartelli ecco un nuovo corridoio che delimita la spiaggia foto

Varigotti. L’inizio della vicenda risale a quasi un anno fa, quando la bellissima spiaggetta della Baia dei Saraceni ha cominciato a ospitare un “tam-tam” di cartelli, tra chiusure, divieti di accesso, recinzioni, grate e tante polemiche al seguito.

La suggestiva porzione di scogliera era stata concessa alla società privata per il “rimessaggio delle barche” e non per essere utilizzato come uno stabilimento balneare. L’anno scorso però, passando nei pressi della spiaggetta, si potevano scorgere persone intente a godersi il sole su sdraio e lettini.

Ad oggi è comparso un nuovo cartello, che recita: “Piattaforma in concessione. E’ ammesso esclusivamente il transito per raggiungere la spiaggia libera e il lido del mare”. Ricapitoliamo. La società privata proprietaria dello complesso che si trova nelle immediate vicinanze della galleria, ha richiesto una modifica della concessione per il “rimessaggio barche”. La società ha provveduto a creare un corridoio per il passaggio delle persone che intendono raggiungere la spiaggia e il mare, peccato che il corridoio realizzato con tanto di paletti, fil di ferro, catene e nastro non può essere edificato in quanto la concessione non è stata ancora rilasciata.

Un anno fa l’Ufficio Aree Demaniali e Marittime della Regione Liguria si era già espresso sulla necessità di ripristinare il transito pubblico a ponente. E anche l’allora sindaco di Finale Flaminio Richeri aveva dichiarato: “E’ demanio pubblico, è di tutti. L’interesse pubblico deve prevalere su quello privato”. La società aveva provveduto, ma ora sembra aver rimesso le mani su un’area senza le necessarie autorizzazioni e perciò ancora pubblica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giech Nicolasono

    La baia dei saraceni è patrimonio dell’umanità (savonese in primis)! Dovrebbe essere gestita dal Comune di Finale Ligure che potrebbe utilizzare qualcuno dei tanti giovani disoccupati per la stagione estiva, guadagnando anche qualcosa per le casse comunali!

  2. Scritto da gianmarco

    La spiaggia è di tutti e non di pochi imbecillii . prepotenti .che pagando al demanio una miseria di canone pensano di essere padroni di tutto.