IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alta Via Stage Race, Flavio “Maurizio” Coluccio vince la tappa a Varazze

Varazze. Dalla delusione più tremenda alla gioia più assoluta in appena ventiquattr’ore: sono le emozioni provate dal torinese Flavio “Maurizio” Coluccio (139) vincitore oggi sul molo di Varazze della quarta frazione dell’Alta Via Stage Race 2014 ovvero la competizione a tappe di mountain bike che vede un centinaio di bikers pedalare per otto giorni (14-21 giugno) lungo un tracciato di 540Km, con un dislivello di 19.400 metri (come una doppia scalata dell’Everest), alla scoperta dell’entroterra ligure caratterizzato da Borghi immersi nella natura e ricchi di storia, cultura e tradizioni.

Il piemontese aveva già sfiorato la vittoria lunedì nella tappone Borzonasca/Oasi Bel Piano a Ceranesi/Livellato quando stato frenato nella sua cavalcata solitaria da un problema al sellino identico a quello partito da Marco Aurelio Fontana ai Giochi di Londra 2012. Sul traguardo nell’entroterra genovese si era dovuto accontentare del sesto posto, con mille recriminazioni. Nella tappa verso il mare Ligure scarica tutta la sua rabbia in un tratto di portage verso il Monte Beigua, a 25 chilometri dall’arrivo. Affronta la rampa stronca gambe di corsa, recupera lo svantaggio di alcuni minuti dai battistrada e poi passa decisamente a condurre. In riva al mare arriva finalmente la grande gioia.

Flavio “Maurizio” Coluccio conclude i 66 Km della frazione Ceranesi/Livellato – Varazze in 4h45’01” con un secondo di vantaggio sull’elvetico Stefan Hutmacher (104) e di due sul concittadino Eugenio Cossetto (119), che difende tranquillamente la maglia biancorossoverde di leader assoluto della classifica.

La quarta tappa dell’Avsr 2014 riporta il sorriso anche a Hutmacher dopo la piccola Caporetto di lunedì che lo ha visto perdere la maglia di capoclassifica a causa di una caduta e di vari inconvenienti tecnici. Cambiata nella notte la forcella anteriore della sua Mtb (era completamente bloccata) lo svizzero è così ritornato sui suoi tradizionali livelli agonistici. Resta terzo nella classifica generale guidata da Eugenio Cossetto ma recupera minuti prezioso sul rivale Paolo Mancuso (Savona – 142). A Varazze il ligure chiude al settimo posto e vede salire a 14’ il distacco da Cossetto e diminuire a 15’ il vantaggio su Hutmacher.

Ancora fuori dal podio di giornata finisce l’altro svizzero Daniel Bringold (112) che termina a due minuti ma è nuovamente tra i protagonisti di tappa. Leggermente più attardato chiude il vincitore di ieri, il genovese Fabio Meirana (133), quinto a otto minuti ma nuovamente tra i migliori.

Tra i team non sembra avere limiti la strapotenza dei genovesi Mantovani-Barbieri (205), che rafforzano ulteriormente il primato in classifica generale con la quarta vittoria consecutiva, stavolta davanti agli spagnoli Boixeda-Comas (204).

La tappa ha attraversato il Parco del Beigua, laddove il crinale spartiacque sembra quasi tuffarsi nel mare, distante solo cinque chilometri. Si è sviluppata in buona parte lungo l’Alta Via dei Monti Liguri, dalla Colla del Proratado fino al Monte Beigua prima della discesa a Varazze.

Domani la quinta tappa (80 Km 3.000 metri di dislivello) raggiungerà Bardineto con un percorso abbastanza impegnativo attraverso l’entroterra di Savona, la provincia più ricca di boschi della Liguria. Decisamente dura, anche se molto bella, la salita da Varazze al Colle del Giovo, veloce ed emozionante il sentiero finale che scende a Bardineto. Affascinante il faggeto della Barbottina. Il percorso della quinta frazione Avsr 2014 segue l’itinerario dell’Alta Via dei Monti Liguri dal Colle del Giovo, dopo la salita da Varazze, a poco prima di Bardineto.

Nel frattempo l’americano Jay Petervary prosegue nella sua azione in solitaria verso Airole nell’edizione zero della Liguria Mountain Divide, l’evento di Adventure Race che abbraccia l’intero entroterra Ligure seguendo il percorso della Alta Via Stage Race. Ha raggiunto Col di Nava, arrivo della sesta tappa Avsr 2014.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.