IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, primo Consiglio comunale dell’era Cangiano. La Guarnieri attacca: “No a nuove caste”

Albenga. “Positivo, svolto con regolarità e con interventi da parte di maggioranza e minoranza collaborativi e propositivi: questo è l’indirizzo che avevo richiesto perché il ruolo dell’opposizione, se porta avanti idee concrete è decisivo, e sta anche a noi maggioranza avere atteggiamento collaborativo e non respingere ogni critica o proposta”. Lo ha detto il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano dopo la prima seduta del Consiglio comunale di Albenga che si è svolto ieri sera.

“E’ stato un passo in avanti utile per la città, ora vedremo se è solo approccio iniziale o se si potrà fare, ma io ci credo e penso si possa realizzare per lo sviluppo della nostra cittadina” conclude il primo cittadino di Albenga.

“La nostra sarà un’opposizione concreta, costruttiva e propositiva: come ho già avuto modo di affermare, tutti quei progetti dell’amministrazione cangiano che avranno una rilevanza collettiva a favore dell’intera comunità albenganese, saranno anche nostri, e non avremo problemi a condividerli e a impegnarci affinché trovino realizzazione – ha detto il capo gruppo di minoranza Rosy Guarnieri -. Ma tutte quelle pratiche relative a interessi personali, o professionali, a tutela di potentati, o per creare nuove caste, come ad esempio il ritorno della commissione edilizia, saranno per noi oggetto di forte contrasto: siamo pronti a battere i pugni sul tavolo e far sentire la nostra voce in maniera forte e chiara. Perché l’obiettivo principale è, e sarà sempre, lavorare per il bene della città, non di pochi privilegiati”.

“Spiace notare che, per premiare singoli elementi e per via di meri equilibri partitico-politici di giochi di potere, si sia dovuta sacrificare sull’altare del consiglio comunale la lista civica Talea d’Albenga, una forza che si era presentata agli elettori come una realtà nuova, capace di portare risposte civiche alle esigenze degli albenganesi, che però, al momento buono, è stata esclusa dall’amministrazione e, a causa del ruolo istituzionale del presidente del Consiglio, non rappresentata in sala consiliare. E un pensiero, a tal proposito, va all’amico Vittorio Varalli, con il quale ho discusso e anche litigato, in questi anni, mantenendo sempre la massima stima: il Consiglio comunale, senza di lui, si è impoverito molto” prosegue.

“La prima seduta è stata caratterizzata da una scarsa, scarsissima, vivacità. I componenti dell’amministrazione e della maggioranza, forse ancora un po’ ebbri del successo elettorale, ancora non hanno preso piena dimestichezza della macchina amministrativa, ma ci auguriamo che lo facciano presto. A dispetto dei tentativi maldestri di alcuni dinosauri della sinistra ingauna di mettere in scena polemiche strumentali, ho apprezzato comunque la volontà generale di mantenere un clima di dibattito cordiale e di normale dialettica tra le parti. Auguri di buon lavoro a Cangiano e alla sua squadra, perché ne hanno bisogno. Dopo le parole, adesso è l’ora dei fatti: la città ha bisogno di risposte. Noi siamo pronti a dare una mano perché siano quelle che interessano ai cittadini” conclude Guarnieri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.