IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Abusi a La Mimosa, l’associazione “Papà separati” attacca la Rambaudi: “Perché la legge 328 del 2000 è ancora disattesa?”

Celle Ligure. Non si arresta l’eco dell’arresto di Massimiliano Casareto, il 45enne responsabile della casa-famiglia “La Mimosa” di Celle arrestato venerdì con l’accusa di aver compiuto, dal 2001 al 2009, di aver compiuto atti sessuali su tre minori a lui affidati.

Ieri, nel corso dell’interrogatorio davanti al gip Emilio Fois, si è difeso parlando di gesti affettuosi da parte sua nei confronti dei ragazzi, ma il tenore sarebbe stato quello di un “normale” contesto familiare: abbracci e baci sulle guance, dunque, ma sempre negli ambienti comuni della casa ed in presenza di altre persone. Nessun mistero, e soprattutto nessun bacio sulla bocca né palpeggiamenti

Oggi l’associazione Papà separati in una nota chiede di far luce sulla vicenda e si interroga sulla metodologia con cui queste case famiglia, istituti o quant’altro siano accreditati dalla regione.

“Riteniamo che la responsabilità maggiore stia proprio in quegli organismi amministratavi e politici che dovrebbero vigilare sulle strutture dove sono ospitati dei minori.
Domanda all’assessore Lorena Rembaudi che sappiamo essersi stupita ​ per l’accaduto ​: ” la legge 328 del 2000 che è stata enfatizzata nel convegno del 2010 a Genova al museo Galata, come mai non è ancora applicata ​? – spiega nella nota Mauro Lami, presidente dell’associazione – Nel art.13 ​della suddetta legge ​viene prevista la carta dei servizi sociali: Non crede l’ assessore che questo come tante altre non applicazioni delle leggi portino a casi come quello della struttura della Segesta o dell’ istituto di Celle? . Riteniamo che da parte sua ci siano delle responsabilità politiche evidenti.​” conclude l’associazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.