IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Treno deragliato, blitz della Procura in Comune ad Andora: sotto sequestro le pratiche dell’ufficio urbanistico

Andora. L’ufficio edilizia-urbanistica del Comune di Andora sotto sequestro. E’ il primo provvedimento adottato della Procura di Savona in relazione al deragliamento del treno Intercity 660, avvenuto questa mattina alle 12,45 quando il convoglio era appena partito dalla stazione andorese in direzione Cervo. I magistrati savonesi, che si sono subito attivati per indagare sull’incidente, come è comprensibile, hanno immediatamente aperto un fascicolo sull’accaduto.

Treno deragliato Andora

Le prime verifiche degli inquirenti (il pm Giovanni Battista Ferro nel pomeriggio ha effettuato un sopralluogo sui binari) sono state mirate a capire se ci siano delle responsabilità per quanto successo oggi. Il treno è deragliato a causa di un movimento franoso che lo ha investito in pieno al suo passaggio. Quello che la Procura sta cercando di accertare e se sono presenti condotte che, di fatto, possano non aver impedito il verificarsi della frana.

Per svolgere tutti gli accertamenti necessari il pm ha quindi deciso di sequestrare l’ufficio urbanistica del Comune dove si trovano le pratiche edilizie relative all’area interessata dal deragliamento. In particolare i sigilli sarebbero stati messi sui documenti e i permessi per costruire le unità abitative realizzate tra gli anni ’60 e ’70 sulla collina sopra i binari.

Una volta trovate e raccolte, tutte le pratiche di interesse per l’indagine saranno sistemate all’interno di un ufficio del Comune che sarà messo sotto sequestro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da protestaligure

    SE non avevano costruito quella villa non succedeva a frana? E quelle frane lungo l’aurelia dove non ci sono costruzioni….

  2. Pegasus
    Scritto da Pegasus

    Il problema ad Andora non è la concessione edilizia del 1964, ma la costruzione del 1992 a sbalzo della terrazza.

  3. Scritto da gogo

    Lungo tutto l’arco della liguria, da Andora a La Spezia… sopra la ferrovia ci sono case, villette, condomini…… un arco ferroviario sovrastato da case… e ora ecco la novità, lo stupore della magistratura…
    provare a togliere le spesse fette di salame … e aprire gli occhi sulle amministrazioni che (prima) hanno permesso le costruzioni, oggi intascano imposte locali a tutto tondo…
    e domani alla prossima tragedia sfiorata… grideranno al territorio violato!!!

  4. marty74
    Scritto da marty74

    E poi, oggettivamente, la natura ha fatto, fa e farà quello che vuole. L’uomo può solo accettarlo. E’ solo la magistratura italiana che, addirittura, da le colpe all’uomo per non aver previsto i terremoti…

  5. quovadisdomine
    Scritto da quovadisdomine

    … ” la Procura sta cercando di accertare e se sono presenti condotte che, di fatto, possano non aver impedito il verificarsi della frana.”.

    Posta cosi’ e’ ridicola.