IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Mensopoli”, il processo savonese potrebbe finire senza condanne

Savona. Una sentenza della Cassazione e la prescrizione di alcuni dei reati contestati. E’ legato a questi due fattori il destino del processo savonese sul caso “mensopoli” nel quale sono a giudizio Alfonso Di Donato e Antonella Calò, rispettivamente ex dirigente e funzionaria dell’Asl 2 savonese (all’epoca dei fatti responsabile del settore appalti, ora dirigente del settore gestione privacy). Questa mattina il procedimento è stato nuovamente rinviato senza che il l’istruttoria proseguisse. Un elemento che può essere interpretato come un segnale ben preciso per il probabile esito del processo: parte delle accuse potrebbero cadere, mentre le altre finirebbero in prescrizione.

La svolta era arrivata nella scorsa udienza quando l’avvocato Fausto Mazzitelli aveva prodotto la sentenza della Cassazione con cui in terzo grado è stato assolto definitivamente Giuseppe Profiti, presidente dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma ed ex dirigente della Regione Liguria. Profiti era invece stato condannato in primo grado, il 28 aprile 2010, e in Appello, il 3 giugno 2011, a sei mesi per concorso in turbativa d’asta nell’inchiesta sulle presunte tangenti per gli appalti delle mense ospedaliere. La difesa ritiene importante il pronunciamento della Cassazione perché precisa che quanto successo dopo l’assegnazione del gara “non è penalmente rilevante”. Il processo savonese di mensopoli ruota proprio intorno a quanto successo dopo quel momento e, di conseguenza, alla luce della sentenza di terzo grado per Profiti, le accuse potrebbero anche cadere.

Il rinvio a giudizio per Calò e Di Donato ha preso le mosse dall’inchiesta sul giro di tangenti e favori intorno alle mense scolastiche genovesi e quelle ospedaliere dell’azienda sanitaria savonese. L’inchiesta della Procura ha messo sotto la lente d’ingrandimento l’assegnazione del servizio ristorazione da 14 milioni alla “Alessio Carni” di Caresanablot (Vercelli), con una delibera poi annullata dal Tar su ricorso della “Pedus Dussman Service srl”.

La difesa ha sempre sostenuto che le intercettazioni riguardanti i due dirigenti dell’Asl savonese siano post-assegnazione e quindi che non possano essere considerate una prova di una turbativa d’asta visto che la gara era già conclusa. A sostegno di questa tesi in seconda battuta si è aggiunta anche la sentenza della Cassazione sul filone genovese del processo. Il processo è stato riaggiornato a settembre quando si dovrà decidere se proseguire con l’istruttoria o prosciogliere gli imputati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.