IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Emergenza legname post-mareggiate, il Ministero dell’Ambiente non autorizza i falò in spiaggia

Più informazioni su

Liguria. Il Ministero dell’Ambiente ha deciso di respingere la richiesta della Regione Liguria di autorizzare i numerosi comuni costieri colpiti dalle violente mareggiate del 24 e 25 dicembre scorsi a bruciare sul posto il materiale ligneo che in grande quantità  le onde, alte anche 9-10 metri, hanno riversato sulle spiagge.

L’idea di permettere ai residenti di dare fuoco al legname era nata per evitare costosi smaltimenti in discarica. Dalle prime indicazioni rese note dall’assessore all’Ambiente Renata Briano, inviate da Ispra al Ministero, il legname in questione potrà essere messo dai sindaci, con una ordinanza, a disposizione dei privati interessati alla raccolta, che una volta ripulito da materiali estranei, potranno trasformarlo in legna da ardere e pellet per riscaldamento.

Martedì prossimo è previsto l’atto della Regione Liguria che dovrà disciplinare , sulla base delle direttive ministeriali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. .
    Scritto da .

    Ribadisco il concetto per i balneari, o pagate per lo smaltimento o mollate tutto e lasciate spazio a chi è abituato a pagare per lavorare!

  2. Scritto da gg

    sarebbe giusto che se la pagassero gli stabilimenti,ma mi sa che la discarica tocca pagarla noi cittadini, soldi pubblici

  3. Pegasus
    Scritto da Pegasus

    Se i cittadini dei comuni della Riviera son obbligati a fare la differenziata non vedo perché i concessionari che sono dei soggetti privati non la debbano fare. Si mettano a loro spese a raccogliere e dividere carta, plastica, legname,etc. e conferiscano a loro spese in discarica.Del resto con i canoni irrisori che pagano al Demanio non penso che andranno in rovina.

  4. Scritto da charlie brown

    Pagate la discarica, piagnoni.