IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo: internet con banda larga ha raggiunto Ferrania e Bragno

Cairo Montenotte. Alcune aree dell’entroterra ligure, e fra queste anche le frazioni di Ferrania, Bragno, Montenotte Inferiore e Superiore, si trovano in zone a cosiddetto “fallimento di mercato” dove gli operatori privati non trovano conveniente intervenire.

Per questo la Regione Liguria a partire dal 2006 ha avviato una sperimentazione sulle quattro province liguri, a cui sono seguiti due bandi finanziati con fondi europei, per assicurare la copertura di queste aree e permettere ai suoi abitanti di essere raggiunti dalla banda larga ed avere così possibilità di connettersi a internet, divenuta fondamentale per le famiglie, per i giovani, per le imprese economiche.

L’amministrazione comunale cairese, su inziativa dell’assessore Alberto Poggio, si era attivata per inserire nel bando anche le zone del proprio territorio a fallimento di mercato, per eliminare il “digital divide”, cioè la disuguaglianza di opportunità che deriva dall’impossibilità di accedere al web, divenuta una vera e propria priorità per lo sviluppo del territorio.

Nelle ultime settimane il servizio ha raggiunto anche le frazioni di Ferrania e di Bragno, e nel corso del 2014 sarà esteso anche alle zone di Montenotte Inferiore e Superiore. Gli abitanti di questi territori possono ora fare richiesta al gestore Uno Communications (vincitore della gara regionale) per l’attivazione del servizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.