IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Andora, Morelli: “Inserire tra le detrazioni fiscali le opere di messa in sicurezza dei territori a rischio sismico 3”

Andora. Diverse forze politiche hanno depositato alla Camera dei Deputati progetti di legge per prolungare le scadenze delle detrazioni fiscali per i cittadini che intendono realizzare interventi di ristrutturazione delle loro abitazioni. Proposte volte a semplificare e rendere certo per tutti  il fatto che chi investe dei soldi per ristrutturarsi la casa pagherà meno tasse: “Tutte proposte che si inseriscono nella lotta che il Movimento Andora Domani ha portato avanti fin dalla sua costituzione”, fanno sapere dal partito del candidato sindaco Paolo Morelli.

“I recenti copiosi eventi atmosferici hanno nuovamente creato diverse situazioni calamitose, sia per cause direttamente imputabili all’azione umana, sia per cause dovuto al progressivo abbandono da parte dell’uomo dei terreni una volta coltivati e oggi inutilizzati e privi di manutenzione. Credo che sia arrivato il momento per svolgere  un’azione di sostegno del Governo a tutte quelle opere di messa in sicurezza del territorio principalmente laddove frane smottamenti ed altre problematiche simile possono creare disagi  e problemi alla pubblica incolumità”, dice Morelli

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge n.147 del 27 dicembre 2013, cosiddetta “Legge di stabilità”, vengono prorogate le detrazioni per le ristrutturazioni ed il risparmio energetico, in particolare l’eco bonus, le ristrutturazioni degli edifici, il bonus mobili e le spese per la messa in sicurezza antisismica. Gli interventi per la messa in sicurezza antisismica degli edifici (prime case o edifici industriali) che si trovano nelle zone sismiche 1 e 2 continueranno ad usufruire della detrazione del 65% fino al 31 dicembre 2014.  In questo caso sono state escluse le zone sismiche 3 e 4 considerate territori con pericolosità bassa o molto bassa.

“La nostra proposta di legge è di inserire tra gli interventi che possono beneficiare delle detrazioni fiscali anche i territori considerati a zona sismica 3, visto che la nostra cittadina di Andora è considerata a rischio sismico 3S – spiega Morelli – Andora è anche una città dove il numero di residenti resta relativamente basso rispetto alle abitazioni esistenti e quindi vogliamo che la proposta di legge preveda l’allargamento di questo importante beneficio anche alle seconde case”.

“Inoltre proponiamo che tutti gli interventi che hanno come obiettivo la messa in sicurezza del territorio godano d’agevolazioni fiscali iniziando da subito e per i seguenti 3 anni – conclude il candidato sindaco – Questi interventi porterebbero lavoro alle nostre imprese e occuperebbero dei nostri concittadini che in questi periodi di crisi si trovano senza lavoro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    bisognerebbe eliminare le detrazioni fiscali che ‘incompetenti’ usano per aiutare amici e non per migliorare la vita della gente.
    .
    via le detrazioni fiscali ….
    ciò che si spende in modo regolare è stato speso per “tirare avanti” e lo si scala dal reddito imponibile … non esiste più … lo abbiamo speso per ….. qualcosa che ritenevamo “noi contribuenti” necessario … indispensabile …. e su quanto resta pagheremo le tasse …
    .
    lo abbiamo speso sul territorio … ed è sul territorio che quel denaro è rimasto … altri pagheranno a loro volta le tasse …. se lo spendiamo per fatti che … non riteniamo opportuno segnalare …. beh .. su quel denaro dovremo pagare noi …. non il beneficiario (mi riferisco per esempio agli otto milioni spesi per “massaggi romantici” ….. come da segnalazione di un reportage in TV)
    .
    il territorio dovrebbe “incassare” a fronte di denaro speso sul territorio … non su immobili che non necessitano di nulla o quasi … dalle amministrazioni locali.
    .
    amministrazioni che ….invece dovrebbero imporre assicurazioni, posti auto interrati … insomma qualcosa che eviti lo scempio del territorio ..
    acquistai un granaio e su quel granaio una targa metallica indicava la compagnia di assicurazione che … aveva in carico danni da eventi naturali … e credo che tale assicurazione fosse o bligatoria …… in tempi migliori da un punto di vista amministrativo.