IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Accusa di disturbo del riposo: chiesti 2 mesi di condanna per il presidente e sei soci del Circolo Brixton di Alassio foto

Alassio.Nell’ottobre del 2011 i carabinieri avevano sequestrato la sede del Circolo Arci Brixton di Alassio, in via Ugo Foscolo. Un provvedimento che era stato disposto perché, secondo la Procura, era stato commesso il reato di “disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone”. Una vicenda che, stamattina, è approdata in tribunale davanti al giudice Marco Canepa. A giudizio ci sono sette persone, l’allora presidente del circolo Brixton Lorenzo Peruzzo, e altri sei soci.

Erano state le numerose lamentele e le decine di querele presentata da cittadini e residenti della zona, ma anche turisti che alloggiavano nei vicini hotel, a far finire nel mirino degli inquirenti la sede del circolo. I militari dell’Arma avevano richiesto l’intervento dell’Arpal che, con i suoi tecnici, aveva effettuato misurazioni dall’interno delle abitazioni degli abitanti della zona: le rilevazioni erano risultate 3-4 volte superiori al limite consentito. Di conseguenza era scattato il provvedimento eseguito dai carabinieri e disposto dal gip di Savona su richiesta della Procura.

Stamattina il pm ha chiesto una condanna a due mesi di reclusione per tutti gli imputati, difesi dall’avvocato Nazareno Siccardi. Proprio il difensore dei soci del circolo ha contestato la tesi dell’accusa precisando che nel locale la musica cessava sempre entro i termini previsti e non era suonata sopra i limiti consentiti. Sulla contestazione relativa agli schiamazzi che si registravano fuori dall’ingresso del Brixton l’avvocato Siccardi ha precisato che non esiste alcuna prova che si trattassse di frequantatori del circolo. Inoltre il difensore ha sottolineato come l’aver superato i limiti, se accaduto, non fosse un fatto continuativo, ma isolato e di conseguenza non sufficiente a far concretizzare il reato contestato. Vista la necessità di sentire altri testimoni il processo è stato rinviato al prossimo 8 aprile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il cala

    In attesa che la direzione di ivg riporti la notizia, vi comunico che ovviamente sono stati tutti assolit dato che il fatto non sussiste

  2. Scritto da gianmarco

    chissà perchè invece per Le vele o la Suerte o allEssauira se ne guardano bene di emettere divieti…ma per favore….sono ben altri i locali da chiudere non certo Il Brixxton….

  3. Scritto da notorious

    4 poveri cristi che rischiano la galera x della musica? Ma stiamo scherzando??
    E dove siamo?
    Tecnici arpal? Procura? Carabinieri? Quest’estate fate un giro x l’ospedale di pietra ligure a sentire gratis la musica del bfly, a meno che non siate gia’ li’, ospiti notabili, bella gente, scendete in spiaggia e metteteci una pietra sopra.
    La distanza tra il bfly e il santa corona e’ piu o meno quella dal brixton al muretto, ma dal muretto non vola una mosca, mentre l’ospedale e’ pieno di farfalle.
    Querele? Lamentele? Che peso hanno? Il peso varia in base al potere d’acquisto.
    Vogliamo esagerare? Senza scendere in particolari, se al brixton (o nei paraggi) fosse accaduta qualche tragica disgrazia, le cose non sarebbero andate come al bfly.
    Ma che mi lamento a fare?!
    Galera x della musica? Al bfly? Ma va la’, quella e’ bella musica.

  4. Pegasus
    Scritto da Pegasus

    Di sicuro c’è che questi pseudo centri-sociali sono sempre senza regole, senza divieti, sempre in deroga a qualsiasi cosa. Come tutto ciò sia possibile, questo invece resta un mistero.