IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Accanimento giudiziario”: Fameli presenta ricorso alla Corte Europea di Strasburgo

Più informazioni su

Loano. Un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo. E’ quello presentato nei gironi scorsi da Antonio Fameli, l’ex imprenditore di Loano arrestato nel 2012 nell’ambito dell’operazione “Carioca”, che lo vede accusato di riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, reati tributari, attività abusiva di intermediazione finanziaria e falso in atti notarili.

Fameli, 76 anni, nelle scorse settimane aveva pubblicato online una sorta di libro per raccontare tutte le sue vicende giudiziarie. Uno scritto nel quale l’ex imprenditore parlava di “accanimento giudiziario” nei suoi confronti. Proprio partendo da questo presupposto Fameli, con l’assistenza del suo legale Gian Maria Gandolfo, ha scelto di rivolgersi alla Corte Europea di Strasburgo. Nel suo ricorso, lungo una sessantina di pagine, sostiene che, nel suo caso, siano stati violati gli articoli 6 comma 1 (equo processo, termine ragionevole, tribunale imparziale), comma 2 (presunzione di innocenza), articolo 14 (divieto di discriminazione, appartenenza a minoranza nazionale).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alvaro felici

    …come “LUI”…

  2. Scritto da tanasi

    CHE CORAGGIO, STO DELINQUENTE. SEDIA ELETTRICA!!!